Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Lezione di Milardi su “Falli e scorrettezze” e “Fuorigioco”

Paolo Vilardi - 13/03/2019, 12:00

Sezione di Paola
Il Vicepresidente area Sud del Settore Tecnico dell’AIA, Francesco Milardi della Sezione di Reggio Calabria, lo scorso 25 febbraio ha tenuto una lezione con gli arbitri paolani. Nella riunione tecnica sono state trattate due Regole basilari del gioco del calcio, la 11 e la 12, “Fuorigioco” e “Falli e scorrettezze”.
Il gradito ospite, ex assistente arbitrale di Serie A, è stato presentato dal Presidente di Sezione Marco Maiorano. Ha iniziato la lezione subito dopo il saluto del Presidente Regionale Franco Longo, nella Sezione di appartenenza. Sono stati altri graditi ospiti il Presidente della Sezione di Reggio Calabria Francesco Catona e l’Organo Tecnico della Sezione medesima Giovanni Iachino, che hanno accompagnato Milardi nella trasferta a Paola.
Questi ha subito fatto eseguire un video test, consistente nella visione di slide richiamanti la Regola 12 e la segnatura su apposito modulo della decisione tecnica e l’eventuale provvedimento disciplinare. Nella fase di correzione l’ospite ha aperto il confronto, interagendo soprattutto con gli arbitri più giovani. Il dibattitto ha così iniziato a vertere sui criteri di punibilità del DOGSO, della SPA (Interrompere un attacco promettente) e dei falli di mano.
Come riferito in apertura altra regola trattata è stata il Fuorigioco. Il focus è stato prettamente sulla differenza tra una giocata e una deviazione del difendente, ricordando che solo la prima sana la posizione irregolare. Con il supporto di filmati Milardi ha insistito molto su questo, in quanto eventuali errori sul campo possono influire sul risultato di una gara oltre che, naturalmente, sulla qualità della direzione arbitrale in fase di valutazione della stessa da parte degli osservatori.
Il Vicepresidente del Settore Tecnico ha trattato infine la collaborazione arbitro – assistenti, accennando anche lo spostamento sul terreno di gioco dell’arbitro per trovarsi sempre nella posizione più idonea per la valutazione, quindi per imprimere credibilità ad eventuali provvedimenti tecnici e disciplinari.
Un convivio tra gli associati ha concluso questa visita di Milardi a Paola.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente