Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Guccini: “Si cresce soprattutto grazie agli errori”

Riccardo Calvara - 12/04/2019, 17:30

Sezione di Trento
Una giornata significativamente importante. Questo è quello che rimarrà impresso nella mente degli arbitri della Sezione di Trento, che martedì 9 aprile anno avuto l’onore e la possibilità di trascorrere diverso tempo in compagnia di un ospite e di un amico speciale: Francesco Guccini arbitro CAN B di Albano Laziale, che ha saputo lasciare un segno tangibile del suo passaggio, grazie ai valori dell’umiltà, della disponibilità e dell’attaccamento, di cui è ricca la nostra Associazione e di cui Francesco è un eminentissimo interprete.
Con una sessione di allenamento presso il Campo Sportivo di Mattarello, Francesco ha coinvolto decine di associati, desiderosi di allenarsi con un arbitro del suo livello, in una serie di esercizi fisico-atletici che ponevano l’accento anche nella capacità di concentrazione e di riflessività mentale, tra stupore gradimento e qualche risata dell’allegro e laborioso gruppetto.
La serata è proseguita presso i locali sezionali: Guccini ha deciso di intrattenere la numerosa e interessata platea con la visione di alcuni filmati, riguardanti alcune delle sue più significanti tappe e partite della sua carriera. Varie situazioni che raffiguravano le complesse dinamiche del giuoco del calcio, che talvolta conducono gli arbitri all’errore. E proprio sull’errore e sulla sua capacità di assurgere a volano della crescita tecnica e comportamentale dell’arbitro che il graditissimo ospite si è incentrato. “Si cresce grazie e soprattutto attraverso gli errori”, questa la frase che Francesco ha a più riprese ripetuto, trovando eco anche nelle parole del Presidente di Sezione Varesco e del Presidente del Comitato Provinciale Arbitri di Trento Daprà.
Con i saluti delle parti intervenute, uno scambio di omaggi e un momento conviviale conclusivo ha avuto termine questa bellissima esperienza breve ma intensa di significato, grazie alle incredibili doti umane e tecniche di colui che è divenuto, in poco tempo, un amico di tutti gli arbitri trentini.

Nelle foto principale: la sessione di allenamento a Mattarello. Nella gallery: alcuni momenti della riunione, la platea e lo scambio di presenti, e il selfie con ospite dei ragazzi al polo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente