Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Playoff CAN PRO, Giannoccaro: “Da domenica occorre fare ancora meglio”

Manuela Sciutto - 09/05/2019, 23:00

“Sono molto soddisfatto del Campionato che avete fatto e da domenica occorre fare ancora meglio. Vi vogliamo precisi e concentrati. Basta un piccolo errore e le partite cambiano, non possiamo permetterci di sbagliare nulla.”
Con queste parole il Responsabile della Commissione della CAN PRO, Danilo Giannoccaro, ha aperto ufficialmente le due giorni di raduno Playoff-out, che rappresenta la fase finale e decisiva della Stagione in cui vengono segnate le sorti delle squadre e del Campionato.
I lavori per i convocati, 51 arbitri e 65 assistenti, sono iniziati a Milano Marittima nel primo pomeriggio di oggi con i test atletici. Gli assistenti sono stati sottoposti all’agility test e ai 5x30, mentre gli arbitri ai 40 mentri e allo Yo-Yo test. Le prestazioni atletiche si sono svolte sotto la supervisione del preparatore Gilberto Rocchetti e dei suoi collaboratori Antonio Di Musciano, Oreste Rocchetti, Simone Sabbatani e Luigi Zaccarini, che si sono ritenuti complessivamente molto soddisfatti per le risultanze riportate dell’organico.
In seguito, il raduno è proseguito in aula.
Dopo i tradizionali quiz tecnici coordinati da Alessandro Masini, Componente del Modulo Perfezionamento tecnico e valutazione tecnica del Settore Tecnico, Danilo Giannoccaro, coadiuvato dai Componenti Antonio Damato, Maurizio Ciampi, Renato Faverani e Paolo Calcagno, ha preso in esame, dal punto di vista tecnico e disciplinare, gli episodi più salienti delle ultime giornate di Campionato.
Come affermato da Danilo: “Tutti gli aspetti che oggi e domani analizzeremo sono già stati affrontati ed approfonditi nel corso della Stagione Sportiva, quello che viene chiesto alle quaterne, ora, è la massima concentrazione”. Pertanto, il Responsabile della Commissione ha analizzato le clip video con la metodologia del confronto aperto ponendo specifici “focus”, dal fallo di mano al fuorigioco.
Nel corso della riunione si è posta particolare attenzione anche alla collaborazione tra arbitro ed assistente, che è stata notevolmente implementata e migliorata, in termini di precisione e tempestività dell’intervento, grazie all’utilizzo degli auricolari.
A pochi mesi dall’introduzione nel Campionato di questa nuova modalità di comunicazione, si può tracciare un bilancio più che positivo. Questo risultato è stato possibile grazie al notevole e tempestivo lavoro svolto dalla Commissione tutta, che già a partire dal mese di Gennaio, con esercitazioni specifiche, sia in aula che sul terreno di giuoco, impartendo precise linee guida da seguire, ha preparato l’organico all’impiego di tale innovazione tecnologica nel corso delle gare.
Il lavoro di formazione degli assistenti è stato più intenso rispetto a quello degli arbitri, in quanto questi ultimi, svolgendo la funzione di IV ufficiale nelle gare di Serie B, hanno già avuto modo di utilizzare gli auricolari. Nonostante questo, le terne sono scese in campo pronte con ottimi risultati.
La riunione è terminata in tarda serata con disposizioni specifiche impartite agli arbitri e agli assistenti che sono stati divisi in due differenti gruppi di lavoro.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente