Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Cerimonia del Trentennale con il Presidente Marcello Nicchi

Gianvito Fontanella Molea - 16/05/2019, 10:00

Sezione di Soverato
Si è svolto lo scorso 3 maggio, presso il teatro Comunale di Soverato, il prestigioso evento legato al Trentesimo anniversario della fondazione della Sezione AIA di Soverato. Hanno intrattenuto il numeroso pubblico, associati AIA e non, i relatori: Pietro Matacera, vicesindaco di Soverato, in rappresentanza del sindaco Ernesto Alecci, non presente per impegni istituzionali; Stefano Archinà, Componente del Comitato Nazionale dell’AIA; Pantaleone Procopio, Presidente Sezione AIA di Soverato; Marcello Nicchi, Presidente Nazionale dell’AIA; Franco Longo, Presidente del Comitato Regionale della Calabria; Saverio Mirarchi, Presidente Regionale della Lega Nazionale Dilettanti. Ha moderato l’incontro il giornalista Pietro Melia, leggera ed autorevole come sempre la presenza di questa storica prestigiosa firma del panorama giornalistico calabrese.
La kermesse ha visto presenti tutti i presidenti delle 11 Sezioni AIA della Calabria. Per l’occasione non è mancato il supporto del Presidente della Sezione di Padova Alessandro Scarpelli, sceso appositamente in terra calabra, da dove iniziò la sua scalata all’interno del mondo arbitrale, proprio da ex associato di Soverato.
Significativi gli interventi di tutti i relatori; questi ultimi dopo aver visionato un toccante contributo video con la riproposizione dei principali momenti vissuti in questi 30 anni hanno a turno preso la parola. Visibilmente commosso il Presidente della Sezione di Soverato, Pantaleone Procopio, che ha vivamente ringraziato il Presidente Nicchi per non aver esitato un solo momento ad accettare l’invito per poi ripercorrere le tappe principali dei protagonisti avvicendatisi in questi memorabili anni.
In chiusura ha preso la parola il Presidente Nicchi con un discorso “a braccio” denso di aneddoti, auspici per la Sezione e messaggi di notevole importanza sotto l’aspetto motivazionale per tutti gli associati, indipendentemente dal ruolo e dalla categoria di appartenenza. Il tutto potremmo riassumerlo in un'unica parola chiave, “responsabilità”, che risiede in ognuno degli associati presenti. Il Presidente Nicchi si è congedato con una promessa che non si fa fatica a credere: “Verrò molto presto in Calabria, e perché no, anche a Soverato. dove mi sono sentito a casa. Trent’anni all’interno del movimento AIA sono quasi un terzo di storia, e non è roba da poco. Auguro traguardi prestigiosi a tutti voi che negli ultimi anni avete certamente fatto crescere in modo esponenziale una Sezione a cui si era paventata la chiusura anni or sono, scongiurata da numeri e risultati tecnici ed umani adesso per fortuna ragguardevoli”.
Alla fine di tutti gli interventi sono stati conferiti riconoscimenti, denominati “Premi Hippocampus”, a chi si è particolarmente distinto a livello regionale: osservatore arbitrale Errico Gaglianese di Catanzaro; assistente arbitrale Alessandro Pellico di Cosenza; osservatore arbitrale di calcio a 5 Massimo Maida di Soverato; arbitro di calcio a 5 Francesco Azzarà di Reggio Calabria; arbitro Andrea Spasari di Soverato.
Infine sono state premiate due giovani leve della locale sezione che hanno positivamente impressionato nel corso della Stagione: Giuseppe Leuzzi e Manuela Spinelli.
Prima della consegna del Premio “Hippocampus” sono stati premiati i due alfieri della sezione di Soverato: Antonio Vono, assistente di Serie C, premiato da Stefano Archinà e Giuseppe Cundò, arbitro nazionale di calcio a 5, premiato da Franco Longo.
Sono stati premiati gli ex Presidenti Valentino Delfino e Francesco Maltese, che tanto hanno contribuito alla crescita della sezione ed a cui Pantaleone Procopio ha voluto rendere omaggio con parole d’elogio.
L’appendice della serata è stata e una gradevole cena presso un noto ristorante con tanti associati AIA giunti da tutta la regione e gli ospiti, con in seno il Presidente Marcello Nicchi, intrattenutosi per tutta la serata fino al fatidico taglio della torta, personalizzata magistralmente per l’occasione con logo trentennale della Sezione di Soverato.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente