Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il Responsabile della CAN A Nicola Rizzoli nella ‘Hall of Fame del calcio italiano’

20/05/2019, 21:23

Anche quest’anno, nella giornata odierna, il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze ha ospitato la ‘Hall of Fame del calcio italiano’, giunta all’ottava edizione. Si tratta del riconoscimento istituito nel 2011 dalla FIGC e dalla Fondazione Museo del Calcio, al fine di celebrare le figure che hanno tracciato un segno indelebile nella storia del calcio italiano. Le votazioni si sono chiuse lo scorso febbraio e i premi sono relativi al 2018.
Per la categoria arbitri il premio è andato al Responsabile della CAN A, il designatore degli arbitri di Serie A, Nicola Rizzoli, che ha così commentato: “Vogliamo essere più chiari e trasparenti possibili per far aumentare la credibilità di uno sport straordinario come è il calcio. Credo che il rispetto sia essenzialmente un valore insegnato dalla famiglia ed un ragazzo si avvicina all'arbitraggio per mettersi in gioco”. A consegnare il premio a Rizzoli è stato il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi.
A decretare i vincitori è stata il 19 febbraio una giuria composta dal presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana Luigi Ferrajolo e dai giornalisti Alberto Brandi (direttore di Sport Mediaset), Federico Ferri (direttore di Sky Sport), Xavier Jacobelli (direttore di Tuttosport), Andrea Monti (direttore de La Gazzetta dello Sport), Piercarlo Presutti (responsabile servizi sportivi Ansa), Enrico Varriale (vice direttore Rai Sport e responsabile del Calcio) e Ivan Zazzaroni (direttore de Il Corriere dello Sport e del Guerin Sportivo).
Alla cerimonia odierna ha fatto gli onori di casa il sindaco di Firenze Dario Nardella. Fra gli intervenuti il Presidente della FIGC Gabriele Gravina, il Direttore Generale Marco Brunelli, il Commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini, l’ex Presidente federale Giancarlo Abete e il Membro UEFA nel Consiglio FIFA Evelina Christillin.
Nel suo intervento Gravina ha richiamato l’attenzione sui valori dello sport. “Quando vivi momenti di difficoltà – ha dichiarato – devi individuare valori che ti comunicano un orizzonte diverso. Noi abbiamo deciso di legare a ogni premiato di oggi un ragazzo di un nostro centro tecnico federale territoriale. Dobbiamo mostrare ai nostri ragazzi il fatto di sapere domare le paure e le fatiche per vincere i momenti di difficoltà. Chi entra nella Hall of Fame rappresenta valori fondamentali che sono il patrimonio del mondo del calcio, patrimonio che noi abbiamo il dovere di custodire e tramandare ai nostri giovani”.
Altri undici prestigiosi nomi sono stati premiati ed entrati a far parte di una rosa di 88 talenti: Francesco Totti (calciatore italiano), Javier Zanetti (calciatore straniero), Massimiliano Allegri (allenatore), Antonio Matarrese (dirigente italiano), Nicola Rizzoli (arbitro italiano), Giancarlo Antognoni (veterano italiano), Milena Bertolini (calciatrice italiana), Amedeo Amadei e Gipo Viani (Premi alla memoria), Igor Trocchia (Premio Astori), Gianni Brera (Premio speciale). Due novità di questa ottava edizione: il Premio Fair Play dedicato a Davide Astori (assegnato ad Igor Trocchia, allenatore delle giovanili del Pontisola che aveva ritirato la propria squadra da un torneo a seguito di alcune offese razziste rivolte ad un suo calciatore) e un riconoscimento speciale assegnato a Gianni Brera.

La composizione della ‘Hall of fame del calcio italiano’

Calciatori italiani: Roberto Baggio (dal 2011), Paolo Maldini (dal 2012), Franco Baresi (dal 2013), Fabio Cannavaro (dal 2014), Gianluca Vialli (dal 2015), Giuseppe Bergomi (dal 2016), Alessandro Del Piero (dal 2017), Francesco Totti (dal 2018).
Calciatori stranieri: Michel Platini (dal 2011), Marco Van Basten (dal 2012), Gabriel Batistuta (dal 2013), Diego Armando Maradona (dal 2014), Ronaldo (dal 2015), Paulo Roberto Falcão (dal 2016), Ruud Gullit (dal 2017), Javier Zanetti (dal 2018).
Allenatori: Arrigo Sacchi (dal 2011), Marcello Lippi (dal 2011), Giovanni Trapattoni (dal 2012), Fabio Capello (dal 2013), Carlo Ancelotti (dal 2014), Roberto Mancini (dal 2015), Claudio Ranieri (dal 2016), Osvaldo Bagnoli (dal 2017), Massimiliano Allegri (dal 2018).
Dirigenti italiani: Adriano Galliani (dal 2011), Giampiero Boniperti (dal 2012), Massimo Moratti (dal 2013), Giuseppe Marotta (dal 2014), Corrado Ferlaino (dal 2015), Silvio Berlusconi (dal 2016), Sergio Campana (dal 2017), Antonio Matarrese (dal 2018).
Arbitri italiani: Pierluigi Collina (2011), Luigi Agnolin (dal 2012), Paolo Casarin (dal 2012), Cesare Gussoni (dal 2013), Sergio Gonella (dal 2013), Stefano Braschi (dal 2014), Roberto Rosetti (dal 2015), Nicola Rizzoli (dal 2018).
Veterani italiani: Gigi Riva (dal 2011), Dino Zoff (dal 2012), Gianni Rivera (dal 2013), Sandro Mazzola (dal 2014), Marco Tardelli (dal 2015), Paolo Rossi (dal 2016), Bruno Conti (dal 2017), Giancarlo Antognoni (dal 2018).
Calciatrice Italiana: Carolina Morace (dal 2014), Patrizia Panico (dal 2015), Melania Gabbiadini (dal 2016), Elisabetta Vignotto (dal 2017), Milena Bertolini (dal 2018).
Premi alla memoria: Giovanni Ferrari, Giuseppe Meazza, Silvio Piola, Gaetano Scirea, Enzo Bearzot, Fulvio Bernardini, Vittorio Pozzo, Ferruccio Valcareggi, Ottorino Barassi, Artemio Franchi, Giovanni Mauro (dal 2011), Valentino Mazzola, Angelo Schiavio, Nereo Rocco, Concetto Lo Bello (dal 2012), Eraldo Monzeglio (dal 2013), Ferruccio Novo, Carlo Carcano, Giacomo Bulgarelli (dal 2014), Giacinto Facchetti, Helenio Herrera, Umberto Agnelli (dal 2015), Nils Liedholm, Giulio Campanati, Cesare Maldini (dal 2016), Stefano Farina, Italo Allodi, Renato Dall’Ara, Arpad Weisz, Azeglio Vicini (dal 2017), Amedeo Amadei, Gipo Viani (dal 2018).
Premio 'Fair Play' Davide Astori: Igor Trocchia (dal 2018)
Premio speciale: Gianni Brera (dal 2018)

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente