Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Arbitri in Coppa Campioni

Erminio Cerbasi - 01/07/2019, 12:00

Sezione di Arezzo
Si è svolta ad Arezzo la “Coppa dei Campioni” dell’AIA che ha raggiunto ormai la VII Edizione e che ha visto la presenza di alcune tra le sezioni italiane che hanno vinto nell’ultimo anno un torneo di calcio.

La Sezione di Arezzo ha cercato ogni anno di migliorarsi e in questa tornata sono state ben 15 le sezioni ospitate, mai era stato raggiunto questo numero. L’organizzazione messa in piedi dall’intera Sezione a guida del Presidente Sauro Cerofolini e dai Vicepresidenti Lorenzo Gori e Daniele Barbagli, ha reso possibile lo svolgimento senza intoppi del torneo.

Sono state 42 le gare disputatesi per quanto riguarda il calcio a 5, mentre 15 quelle del green volley. Le sezioni partecipanti sono arrivate da tutta Italia e sono state, in ordine alfabetico: Albano Laziale, Ancona, Bologna, Cagliari, Fermo, Mestre, Milano (Campione in carica), Nichelino, Nola, Perugia, Pisa, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia E Salerno.

La Coppa dei Campioni ha avuto inizio presso i locali sezionali e le prime gare si sono disputate presso i campi sportivi adiacenti allo stadio di Arezzo. La carovana si è quindi spostata per la cena di gala al Centro Affari dove si sono ritrovate più di 350 persone. Oltre alla consueta presenza del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, la serata ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Componente del Comitato Nazionale Michele Conti, del Presidente della Comitato Regionale Arbitri Toscana, Vittorio Bini, e del Presidente della FIGC Toscana Paolo Mangini.

La giornata del sabato è stata organizzata dando risalto alla “Giostra del Saracino” cosicché, terminate le partite, il gruppo si è portato in serata nel centro della città dove, nonostante un forte temporale, è stato possibile assistere allo spettacolo che la giostra, giunta alla sua 138ª edizione, offre nello spettacolare scenario di Piazza Grande. Terminata la sfida in piazza, è stato possibile vivere un momento assai emozionante all’interno del Duomo di Arezzo dove viene consacrato il quartiere vincente: si è trattato di un evento quasi unico visto che a trionfare è stato il Quartiere di Porta del Foro che da 12 anni non risultava vincente e che, per anni guidato dal nostro caro Giancarlo Felici scomparso lo scorso novembre, e che oggi ha come Rettore, ossia massima carica, il figlio Roberto.

Venendo alla giornata conclusiva e alle premiazioni, a cui hanno partecipato il Vicesindaco di Arezzo Gianfrancesco Gamurrini e il Campione del Mondo 1982 Ciccio Graziani, la vincitrice della VII Edizione della Coppa dei Campioni dell’AIA è stata la Sezione di Nola che si è imposta per 2 a 0 sui colleghi di Albano: si è trattato di una partita correttissima nonostante il risultato assai incerto fino all’ultimo secondo quando, in un contropiede chirurgico, i campani hanno raddoppiato pochi secondi prima del triplice fischio finale. Terza classifica è stata invece l’unica toscana presente: la Sezione di Pisa ha infatti sconfitto per 3 a 0 Milano. Sempre Milano si è contraddistinta nel torneo di green volley che ha visto, in finale, la vittoria di Bologna che ha così potuto alzare la coppa.

Ci sembra opportuno e doveroso ringraziare ancora una volta tutti gli enti e le aziende amiche che a vario titolo, in alcuni casi ormai da anni, rendono possibile la realizzazione della manifestazione che, come detto, incontra sempre nuove sfide. Un ringraziamento inoltre alle 15 sezioni partecipanti, a tutti i presidenti e consiglieri di ogni parte d’Italia che con piacere abbiamo ospitato e ai vari ospiti che contribuiscono ad arricchire il gruppo di accompagnatori e calciatori: proprio a questi ultimi va un plauso per i comportamenti tenuti, in campo e fuori, che mai hanno intaccato il clima rilassato e divertente del weekend.

In copertina: il tavolo con le coppe da assegnare. In gallery: altre immagini di alcuni momenti dell’evento.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente