Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Sportilia la CAN C inaugura la Stagione dei raduni precampionato

Fabio Gafforini - 21/07/2019, 23:40

Sono gli arbitri e il primo gruppo di assistenti della CAN C i primi a presentarsi a Sportilia per il raduno pre campionato, che saranno impegnati nella cittadella dello sport sull’Appennino Emiliano dal 21 al 25 luglio.
Questi sono stati anche i primi a ricevere il nuovo materiale tecnico griffato Legea e Net Insurance, i nuovi sponsor che accompagneranno i più di 33mila arbitri sui campi di tutta Italia.
Si apre con la prima sessione di allenamento, diversificata per arbitri e assistenti, in vista degli impegni dei test atletici dei prossimi giorni, sotto gli occhi attenti dello staff medico e di preparatori atletici.
Ad aprire i lavori in aula è il Responsabile Antonio Damato, per la prima volta rivolgendosi al suo organico da Responsabile CAN C: “Voglio innanzitutto ringraziare chi ha dato fiducia a me e agli altri componenti: faremo di tutto per ripagare questa fiducia. Voglio poi ringraziare chi fino allo scorso anno era al mio posto, Danilo Giannoccaro, e chi ha permesso una crescita esponenziale degli assistenti, Renato Faverani”.
Sul palco i confermati Componenti Maurizio Ciampi e Paolo Calcagno, ma anche le due new entry: “Sento l’emozione di essere nuovamente un primo anno - esordisce Emilio Ostinelli - Quello che conta per me, e che è parte integrante del mio percorso arbitrale, è il concetto di lavoro, che cercherò di trasmettervi come forma mentale”. Emozione per Elenito Di Liberatore, alla prima esperienza da Componente: “So quello che provate a stare seduti in quella platea. Sulla base di questo, sulla base del mio entusiasmo e di quello di tutta la Commissione CAN C, vi daremo tutti noi stessi”.
La prima lezione tecnica vede la spiegazione nel dettaglio della circolare numero 1 da parte di Vincenzo Meli, Responsabile del Modulo Regolamento dell’Area Studio del Settore Tecnico: molte le novità, la maggior parte delle quali focalizzate sulla regola 12, nello specifico sul fallo di mano:
“Si è cercato di dare soluzioni che seguano il criterio dell’oggettività” spiega Meli, prima di dare ampio spazio al question time da parte della platea e di spiegare le decisioni ufficiali della Federazione Italiana Giuoco Calcio per la Stagione in corso.
A portare i saluti del Settore Tecnico Francesco Milardi, Vice-responsabile dell’area Sud, e il coordinatore Marcello Marcato.
Il secondo momento in aula si apre con le presentazioni dei primi anni: un modo per gli arbitri e gli assistenti di farsi conoscere ed entrare a far parte sotto ogni aspetto del gruppo CAN C.
E dopo le direttive organizzative, curate con il supporto di Enrico Ciuffa e Giuseppe Antonaglia della segreteria, a chiudere la prima giornata sono le parole di Damato: “Il livello che avete raggiunto è già straordinario. Ma se volete renderlo ancora più straordinario, dovete essere arbitri dentro e fuori dal campo: allenamento, giusto atteggiamento mentale e grande professionalità . È questo il momento di fare il salto di qualità per progredire sempre più”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente