Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La Stagione è stata storica, grande festa per gli associati

Paolo Vilardi - 24/07/2019, 19:30

Sezione di Lamezia Terme
Festa di fine Stagione per gli arbitri della Sezione di Lamezia Terme. Una cerimonia in grande stile, numerosi sono stati gli ospiti, che si è svolta in un noto locale di Falerna lo scorso 23 luglio e che è stata suddivisa in tre momenti. Si è iniziato con i saluti del Presidente sezionale Gianfranco Pujia, del Presidente del Comitato Regionale Franco Longo e del Componente Nazionale dell’AIA Stefano Archinà. Poi tutta a tavola per il convivio serale, a cui è seguita la consegna delle targhe agli associati promossi nel corso dell’annata sportiva.
Visibilmente emozionato il Presidente Gianfranco Pujia in apertura di cerimonia, che resterà memorabile per la Sezione lametina perché si è festeggiato un importante traguardo, la promozione di un proprio associato in Serie A, l’assistente arbitrale Valerio Vecchi, per la prima volta nella sua storia. Una festa quindi particolare, toccante ed emozionante per gli associati più anziani che tanto credono nell’AIA e nei suoi valori; incentivante per le nuove leve, in particolare per quei giovanissimi associati diventati arbitri lo scorso 28 maggio e che non sono mancati a questa bellissima festa.
Pujia, tornando ai saluti di inizio cerimonia, ha esordito con i ringraziamenti: “E’ stata un’annata storica per la nostra Sezione, grazie a Valerio Vecchi e a Lucy Molinaro, la prima donna della Sezione di Lamezia Terme ad essere transitata nel calcio a 5 nazionale. Mi preme ringraziare loro, tutti i ragazzi promossi e quanti hanno contribuito, con il loro lavoro anche dirigenziale, a rendere memorabile la Stagione 2018 – 2019. Il ‘merito’ ci ha premiati. Un ringraziamento altrettanto sentito a chi tanto impegno ha profuso negli anni scorsi – ha concluso - ma è stato avvicendato dai quadri nazionali”.
Naturalmente la promozione di Valerio Vecchi e Lucy Molinaro non è un vanto solo per Lamezia Terme, ma per la Calabria arbitrale intera, come ha evidenziato il Presidente CRA Franco Longo: “La nostra regione oggi è ben rappresentata in tutta le categorie nazionali. Questo anche grazie al lavoro dei Presidenti di Sezione che hanno lavorato bene. Adesso tutti gli arbitri che operano oltre i confini regionali devono continuare ad impegnarsi, ma al contempo non dimentichiamo l’impegno profuso nelle scorse Stagioni di chi oggi è stato avvicendato e che ha accettato il verdetto delle Commissioni – ha concluso Longo - senza cadere nel vittimismo. Questo mi riempie di gioia”.
Molto rilevante quanto detto dal Componente Nazionale Stefano Archinà, della Sezione di Locri, che ha concluso la serie di interventi: “E’ passato un importante messaggio, quello di credere sempre in se stessi. Oggi c’è maggiore consapevolezza che per essere promossi c'è tanto da sudare, credendo sempre nelle proprie potenzialità per raggiungere l’obiettivo che si è prefissato. Con piena maturità bisogna mettere in conto, però, che l’obiettivo si potrebbe anche non raggiungere. In questi casi – ha concluso Archinà - bisogna avere l’umiltà di accettare l’avvicendamento e ammettere che c’è stato chi ha meritato di più”.
Il convivio serale, alla presenza degli ospiti già citati, dei Presidenti delle Sezioni calabresi, dei Componenti Regionali e dei dirigenti calabresi che operano in ambito nazionale, ha rinforzato i vincoli di amicizia in una serata da ricordare, conclusa con le premiazioni di fine anno e con il taglio della torta celebrativa.

In alto gli associati promossi nella Stagione 2018 – 2019
In gallery:
- Il Presidente Sezionale Gianfranco Pujia durante i ringraziamenti
- Il Presidente Regionale Franco Longo durante il suo intervento
- Il saluto del Componente Nazionale Stefano Archinà
- Gli associati lametini e i loro ospiti seduti in platea
- Il taglio della torta celebrativa

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente