Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno CAN A di Sportilia, trattati il DOGSO e il Fuorigioco

Paolo Vilardi - 29/07/2019, 20:03

Fuorigioco e DOGSO sono stati gli argomenti tecnici trattati oggi al raduno precampionato della CAN A, nel corso di una giornata molto intensa, che ha visto l’arrivo a Sportilia dei direttori di gara della CAN B e la visita del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi. Gli incontri con la partecipazione contemporanea degli arbitri di Serie A e Serie B sono oggi indispensabili, ricordando che i secondi sono anche impegnati nella massima serie e svolgono funzioni di VAR. Le prime riunioni insieme, pertanto, iniziano in questo stage precampionato e proseguiranno nel corso dell’annata sportiva.
In mattinata, sui campi della struttura ospitante, gli arbitri hanno svolto il primo allenamento giornaliero, mentre gli assistenti hanno eseguito il test atletico dell’ARIET, avendo nei giorni scorsi eseguito le altre prove. La parte atletica di questo raduno, come consuetudine, è curata dal Modulo atletico del Settore Tecnico, sul posto con la squadra guidata dal Metodologo dell’AIA Carlo Castagna e composta dai Preparatori Alessandro Renai, Giuseppe Chieppa, Venerando Tonon, Giuliano Compagnucci, Marco Celia, Matteo Forlini e Vincenzo Gualtieri. Presente altresì a Sportilia una squadra di fisioterapisti e il Responsabile del Modulo Biomedico del Settore Tecnico, Angelo Pizzi, insieme al Componente Pasquale Fedele.
Ultimato l’allenamento e l’ARIET, arbitri e assistenti si sono ritrovati nella sala conferenze “Stefano Farina”, per la riunione tecnica sul DOGSO, argomento trattato nei giorni scorsi da uno dei gruppi di lavoro ed esposto oggi alla platea dai due responsabili dello stesso gruppo. Da qui il confronto in aula, moderato dal Responsabile della CAN A Nicola Rizzoli.
I vari filmati sono stati esaminati accuratamente. Su alcune slide, in relazione al provvedimento disciplinare da assumere, non c’è stato inizialmente parere unanime, pertanto il confronto è stato mirato ad avere una sola linea di pensiero, compresa l’opportunità dell’intervento del VAR e con quali modalità di quelle previste dal suo protocollo.
E’ seguita la visita del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, che ha avuto modo di salutare anche gli arbitri della CAN B, il suo Responsabile Emidio Morganti e i Componenti Christian Brighi e Riccardo di Fiore.
Nel pomeriggio, assente Nicola Rizzoli che si stava recando a Milano alla presentazione del calendario di Serie A, è stato trattato un altro argomento tecnico molto importante, il fuorigioco, le cui slide erano state esaminate da altro gruppo di lavoro. Su spunto dell’esposizione dei due relatori, arbitri e assistenti si sono confrontati sulle varie situazioni rappresentate, con il moderatore, il Componente Andrea Stefani, che ha dato le linee guida per fugare ogni dubbio sulle poche controversie nei casi di non facile individuazione.
Contemporaneamente, presso il piccolo anfiteatro di Sportilia, Morganti ha ringraziato i suoi arbitri per l’impegno profuso nello scorso Campionato di Serie B e ha dato il benvenuto ai nuovi immessi.
Tutti gli arbitri e agli assistenti presenti al centro sportivo di Spinello di Santa Sofia in serata si sono allenati. I direttori di gara di Serie B domani pomeriggio sosterranno i test atletici.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente