Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La francese Stéphanie Frappart arbitrerà la Supercoppa UEFA

Federico Marchi - 03/08/2019, 14:31

La finale di Supercoppa Europea segnerà una svolta storica per il movimento arbitrale internazionale. Per la prima volta infatti una competizione di questo livello sarà affidata ad una donna arbitro. A dirigere la partita tra Liverpool e Chelsea, in programma il prossimo 14 agosto al Besiktas Park di Istanbul, sarà infatti la francese Stephanie Frappart. Non era mai accaduto che una donna fosse stata designata per una finale Uefa tra formazioni maschili.
Prosegue quindi la crescita della componente femminile nel mondo del calcio, che ha già avuto un’importante promozione mediatica in occasione dei Campionati del Mondo di calcio disputati in Francia lo scorso mese.

Stephanie Frappart, arbitro 35enne della Federazione francese, vanta già importanti presenze a livello internazionale, come la finale tra Stati Uniti e Olanda alla recente World Cup e la semifinale dell'Europeo femminile del 2017 tra Inghilterra e Olanda. L’arbitro della Supercoppa 2019 è stata anche la prima donna a dirigere una gara di Ligue 1 in Francia (Amiens – Strasburgo ad Aprile).

"Stéphanie ha dimostrato per anni che è una delle donne più brave ad arbitrare, non solo in Europa ma in tutto il Mondo - ha detto il designatore UEFA Roberto Rosetti - Ha le capacità per arbitrare ai più alti livelli, come ha dimostrato quest’anno in finale di Coppa del Mondo. Spero che la partita a Istanbul le permetta di maturare ancora più esperienza in questa fase così importante della carriera".

Ad accompagnarla saranno due assistenti donna: Michelle O'Neal della Repubblica d’Irlanda e Manuela Nicolosi, italiana ma residente in Francia da oltre 15 anni, riproponendo quindi la terna della finale mondiale del 7 Luglio. Nella squadra che seguirà il VAR è invece presente l’italiano Massimiliano Irrati.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente