Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno CAN 5, Montesardi: “Pronti e reattivi, solo così sarete credibili”

Lorenzo De Robertis - 03/09/2019, 20:51

Inizia sotto un cielo plumbeo che non promette nulla di buono il secondo giorno per gli arbitri della CAN 5 in raduno a Sportilia. Come da programma nella prima parte della mattinata sono stati svolti i test atletici, una serie di prove di agilità e resistenza che servono per testare lo stato di forma dei ragazzi e delle ragazze. Positive le sensazioni raccolte al termine dei test dal Responsabile della Commissione Angelo Montesardi: “Ho trovato un gruppo già decisamente in forma. La parte atletica è una componente importante della prestazione arbitrale ed aver trovato i ragazzi già pronti per il Campionato è per noi motivo di soddisfazione”.
Nel corso della mattinata gli arbitri neo immessi sono stati informati circa le modalità di refertazione elettronica. La refertazione elettronica, che piano piano sta iniziando a diffondersi anche nelle altre categorie del calcio “a 11”, è senza dubbio una delle innovazioni, assieme al “portale della CAN 5” che nel corso degli anni il gruppo degli arbitri del Futsal è stato capace di portare all’attenzione generale.
Nel primo pomeriggio Montesardi ha condotto una sessione di match analysis portando all’attenzione dei ragazzi una numerosa serie di video. “Dovete essere bravi, per limitare al massimo gli errori, a fotografare nella vostra mente il momento esatto in cui rilevate una infrazione. Siate pronti, reattivi e solo così sarete credibili”. “Gli arbitri che immaginiamo noi – ha aggiunto Montesardi – sono quelli che non scelgono mai soluzioni tecniche di convenienza. Vogliamo arbitri che abbiano la forza di decidere. La vostra credibilità passa solo e sempre attraverso l’applicazione del Regolamento”.
Aspetta e guarda e vantaggio. Questo il tema trattato dal Componente CAN 5 Francesco Massini. “Il concetto di aspetta e guarda, dell’applicazione del vantaggio, offre una fondamentale opportunità al moderno arbitro di Futsal. Il Futsal oggi vuole un gioco più veloce, più spettacolare, è dovere dell’arbitro essere attore di questo processo di spettacolarizzazione”. Riprendendo il filo del discorso il Responsabile Montesardi ha poi ulteriormente puntualizzato, sempre con il supporto di video, alcune situazioni che rivestono particolare rilevanza. “Siate attenti all’uso smodato che i calciatori fanno delle braccia. Bisogna porre la massima attenzione in caso di contatti alti reiterati”. La CAN 5 ha chiesto ai suoi arbitri di effettuare prima una prevenzione per cercare di limitare queste tipologie di falli e poi intervenire per sanzionare i comportamenti scorretti.
Il Componente Francesco Peroni, prendendo spunto dal dettato della Regola 12, ha trattato il tema relativo alle “trattenute ed ai blocchi”. “Il Regolamento definisce in maniera chiara – ha detto Peroni – le varie situazioni in cui questa tipologia di fallo deve essere punita anche a livello disciplinare”. Importanza massima è focalizzare al meglio il concetto di ‘rilevanza della trattenuta’. “Dovete capire di calcio, conoscere le tattiche e gli schemi e certamente sarà per voi più semplice distinguere le varie situazioni”. Ci sono accorgimenti, suggerisce Peroni, che possono essere messi in atto per farsi trovare sempre pronti: “Mantenete la frontalità del gioco, mantenete lo sguardo alto, fate prevenzione”.
Il Componente Vincenzo Francese ha posto un importante focus sui falli mano: chi lo commette, in quale situazione di gioco, in quale zona del rettangolo di gioco, quale effetto provoca nel gioco il fallo. “Diverse sono le tipologie dei falli di mano, diverse sono le implicazioni che comportano a livello tecnico e disciplinare. Una profonda conoscenza del Regolamento vi aiuterà a valutare al meglio”.
Nella parte finale del pomeriggio sono stati effettuati i test tecnici, brillantemente superati da ragazzi, e poi , a seguire una sessione di allenamento defaticante. Al rientro in aula il Componente Andrea Sabatini ha affrontato i temi relativi alla simulazione ed al goal non goal.
Dopo cena continuerà il lavoro di studio e confronto dei giovani arbitri all’interno dei gruppi di lavoro e come di consueto la giornata si concluderà in tarda serata con la Commissione che proseguirà gli incontri con gli arbitri suddivisi per ambito regionale.

In homepage il Responsabile Angelo Montesardi
In copertina il Componente Francesco Peroni
Nelle altre immagini alcuni momenti delle esercitazioni in palestra, la Commissione , il Componente Francesco Massini

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente