Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno CAN 5, Montesardi agli osservatori: “Lavoriamo in team”

Lorenzo De Robertis - 06/09/2019, 21:00

Giornata di transizione quella vissuta oggi a Sportilia dove da oramai quattro giorni si sta svolgendo il raduno precampionato della CAN 5. Gli arbitri del secondo gruppo lasciano spazio agli osservatori arbitrali che rimarranno al centro tecnico fino a domani.
Lavoro separato per osservatori ed arbitri nella prima parte della mattinata. I primi impegnati nel disbrigo delle formalità comuni ad ogni inizio raduno, fotografie e visite mediche. I secondi in aula per la correzione dei test tecnici svolti la sera precedente. Il Responsabile Angelo Montesardi ha condotto poi una sessione di match analysis ripercorrendo le gare della parte finale della scorsa Stagione Sportiva. Il Componente Laura Scanu ha condotto, successivamente, una interessantissima lezione incentrata sul “Sistema delle regole e sulle regole non scritte”. “ Tutto parte – secondo Scanu – dalla padronanza del contesto, dall’assimilazione dei concetti fondamentali”. Le regole scritte ci servono per padroneggiare e risolvere le varie situazioni, quelle non scritte rappresentano quel salto di categoria che permette all’arbitro di crescere. “Il buon senso è indubbiamente la regola principale fra quelle non scritte, buon senso che si apprende con l’esperienza”. In conclusione del suo intervento Laura Scanu ricorda ai ragazzi che è “proprio il buon senso che ci serve a fare le scelte giuste e non ripetere gli errori. Si cresce quando si acquisisce la capacità di rielaborare le esperienze vissute”.
Parte finale della mattinata dedicata invece alla verifica del lavoro svolto dai ragazzi nei gruppi durante le serate precedenti. Nel commentare il lavoro svolto, Montesardi senza mezze parole ha detto: “Mi complimento con voi. Avete lavorato in maniera seria, ma di questo non avevo dubbio, ed avete avuto la capacità di cogliere il nocciolo dei vari temi che vi erano stati proposti”.
Pomeriggio di lavoro esclusivo per gli osservatori arbitrali. Presentazione della Commissione e disposizioni tecniche. Come già fatto con gli arbitri, anche agli osservatori, Montesardi ha sottolineato l’esigenza che si presti particolare attenzione alle modalità di ripresa del gioco dopo un’infrazione o a seguito della fuoriuscita del pallone dal rettangolo di gioco. Salvatore Racano, che assieme al Componente Francesco Peroni, provvederà alla designazione degli osservatori, ha illustrato ai partecipanti al raduno tutti gli adempimenti pre-gara. “Vi ringraziamo fin da adesso della disponibilità che ci darete durante la Stagione. Ricordatevi sempre – ha aggiunto Racano – che prima che di essere osservatori siete arbitri. Continuate a comportarvi come sempre, siate seri e coscienziosi, svolgete il vostro compito con libertà di giudizio”.
Nel suo intervento l’altro Coordinatore degli osservatori, il Componente Francesco Peroni, ha parlato circa la necessità di procedere, in sede di valutazione, alla preliminare contestualizzazione della prestazione arbitrale in relazione alla gara visionata. “Uno degli aspetti più importanti che è bene analizzare – ha detto Peroni – è se la gara visonata ha permesso o meno di verificare l’autorevolezza e la personalità del direttore di gara”. Nel concludere il suo intervento Peroni ha ricordato agli osservatori come “la fase del colloquio sia certamente delicata ma a voi chiediamo di fare crescere i nostri arbitri. Non siate indulgenti, non siate severi, siate giusti”.
Teoria e pratica, questa la filosofia della CAN 5 e quindi dopo una buona dose di nozioni e disposizioni è giunto il tempo di visionare una serie di episodi video salienti di una gara e di provare a stendere una relazione. Una metodologia diretta e facilmente intellegibile che è stata molto gradita dagli osservatori. In serata attivazione dei gruppi di lavoro e colloqui per ambiti regionali.

Nella foto di home il gruppo degli osservatori. Nella foto di copertina il Componente Salvatore Racano, nelle altre foto un momento delle visite mediche, i medici Petta e Passalacqua, i Componenti Scanu e Leonforte, un momento dell’esposizione dei lavori di gruppo, il Responsabile Montesardi, una veduta della sala riunioni.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente