Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Una ruota che gira come simbolo del raduno precampionato

Luca Marcuzzi - 13/09/2019, 13:30

Sezione di Udine
Quale miglior immagine di una ruota che gira per descrivere il raduno della Sezione “Gino Nais”, che si è svolto a Tarvisio. Perché è innanzitutto affascinante: ricorda un’invenzione che ha cambiato la società primitiva, rappresenta un movimento dinamico (basta poco per vincere la forza di attrito con il suolo) dove si sale e si torna al suolo ed è spesso usata per metafore.
Qualsiasi ruota necessita di una struttura, per essere definita tale. Gli ingranaggi – nuovi o già oliati – non possono che essere identificati con il Presidente Enzo Piva, con i vice presidenti Marinella Caissutti e Luca Zufferli, con l’Organo Tecnico Sezionale (con il nuovo componente Matteo Smo-lari) e con i componenti del Consiglio Direttivo Sezionale. Presente al raduno il Componente del Comitato Nazionale dell'AIA Alberto Zaroli. Le diverse componenti hanno permesso che si svolgessero numerose attività senza intoppi: dallo svolgimento dei test atletici e regolamentari, alla spiegazione della Circolare 1 da parte del componente del Settore Tecnico Antonio Longo, dalle riunioni tecniche tenute sul terreno di giuoco. Fino ai colloqui individuali, dove sono emersi i singoli obiettivi di ogni giovane associato.
I raggi della ruota non sono altro che i ragazzi che, numerosi, hanno partecipato alle attività che si sono susseguite in questa tre giorni di raduno a Tarvisio. Nella stessa cittadina, in contemporanea-mente, si stava svolgendo il raduno del CRA del Friuli Venezia Giulia, presieduto da Andrea Merli-no. Ecco che questa immagine è più che mai adeguata per descrivere i ragazzi del CRA che hanno deciso di passare a salutare i ragazzi dell’OTS. Alcuni di loro, fino a poche settimane fa, erano an-cora in Sezione, ma non si sono dimenticati della strada compiuta e hanno approfittato per dare qualche consiglio ai loro amici più giovani.
Alcuni degli arbitri presenti al raduno erano appena diventati associati e si apprestavano a compiere i primi passi all’interno dell’associazione. Altri, tornati all’OTS dopo una lunga esperienza regionale, hanno dato loro utili consigli mettendo a disposizione la propria esperienza. Altri “ragazzi un po’ più esperti”, con quaranta o cinquant’anni di tessera alle spalle, hanno raggiunto la sede del raduno OTS nella giornata di domenica per aggiornarsi sulla corposa circolare 1. È stata anche l’occasione per concludere quel ricambio generazionale che, veramente, è davvero un’inarrestabile ruota in mo-vimento.
In conclusione, qualcuno potrebbe chiedersi quali traguardi ci siano sul percorso intrapreso dai gio-vani fischietti udinesi. Non c’è risposta a questa domanda, ma una cosa è certa: i ragazzi hanno di-mostrato impegno nei test atletici, preparazione regolamentare nei quiz, attenzione e partecipazione durante le riunioni tecniche. Pertanto, anche se non è definita la destinazione, la strada su cui gira la ruota è sicuramente quella giusta.
In copertina gli arbitri udinesi presenti al raduno.
In gallery:
1. Il Presidente Enzo Piva tiene una lezione tecnica sul campo
2. Lo svolgimento dei test atletici
3. Gli arbitri durante la spiegazione della Circolare 1
4. Un momento durante una lezione tecnica sul campo
5. Il componente del Settore Tecnico Antonio Longo (a sinistra) con il Presidente Sezionale Enzo Piva
6. Il Presidente Sezionale Enzo Piva con il componente del Comitato Nazionale, Alberto Zaroli
7. Una lezione tecnica sul campo tenuta da Matteo Smolari, membro dell’Organo Tecnico

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente