Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Svolto a Firenze l'incontro tra gli arbitri di Serie C e le società di Lega Pro

Lorenzo De Robertis - 30/09/2019, 16:00

Si è tenuto a Firenze il primo dei due appuntamenti programmati fra le componenti della Lega Pro e la CAN C guidata da Antonio Damato. All’incontro erano presenti allenatori, dirigenti e capitani di 54 delle 60 Società iscritte al Campionato di Serie C e le massime autorità in rappresentanza di Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega di Serie C, Associazione Italiana Calciatori ed Associazione Italiana Arbitri. Nell’introdurre i lavori Francesco Ghirelli, Presidente della Lega Pro, ha posto l’accento sui traguardi raggiunti dalla lega nell’ultimo anno. “Vogliamo continuare a lavorare – ha detto – nel segno e nel solco della sostenibilità, cerchiamo una progettualità”. Rivolgendosi agli arbitri presenti in sala (praticamente l’intero organico degli arbitri a disposizione di Antonio Damato) Ghirelli li ha ringraziati per il loro operato ed ha ricordato alle Società che “ci troviamo di fronte a giovani in formazione, dobbiamo sempre cercare di aiutarli nei momenti difficili”. Nel concludere il proprio intervento Ghirelli si è rivolto all’intera platea ribadendo che “ questa dirigenza vuole una Lega normale, un calcio normale”.
L’Associazione Italiana Arbitri era rappresentata dal Presidente Marcello Nicchi. “ Voglio innanzitutto – ha esordito – ringraziare le Società per il clima di accoglienza che i nostri arbitri respirano quando vengono nei vostri stadi. Sentiamo forte questo nuovo senso di appartenenza e di responsabilità da parte delle società. La nostra associazione profonde tanto impegno e tanta attenzione nella formazione degli arbitri di Serie C” . Nicchi ha poi presentato la Commissione presieduta da Antonio Damato sottolineando come tutti i suoi Componenti abbiano calcato i campi di Serie A.
Il Presidente Federale Gabriele Gravina si è detto molto entusiasta della partecipazione a questa iniziativa e si è augurato che questo possa segnare l’inizio di un percorso di collaborazione fra tutte le varie Componenti. “Stiamo lavorando – ha aggiunto Gravina – per far si che la nostra progettualità punti a centrare i migliori risultati possibili“.
Sul tema della disponibilità delle risorse economiche il Presidente Gravina ha assicurato che nel futuro ci sarà una maggiore attenzione affinché non si “disperdano a pioggia” ma che siano finalizzate alla realizzazione di progetti concreti. “Abbiamo intenzione di investire nel futuro – ha detto – sui giovani, sulle strutture e sul calcio femminile”. Entrando nel vivo delle tematiche dell’incontro odierno Gabriele Gravina ha più volte ribadito come “gli arbitri siano un patrimonio della Federazione”.
Nella seconda parte della mattinata sale in cattedra (al termine dell’incontro il Presidente Ghirelli definirà l’intervento come una “lectio magistralis”) il Responsabile della CAN C Antonio Damato. Con parole chiare Damato ha prima illustrato le principali novità regolamentari apportate dall’IFAB e poi, mediante l’utilizzo di una numerosa serie di episodi video, si è addentrato nella minuziosa spiegazione di alcune tipologie di situazioni. Al termine dell’esposizione, il Presidente Nicchi ha voluto ringraziare il Responsabile del Settore Tecnico dell’AIA Alfredo Trentalange, presente in sala, per il lavoro che l’intero Settore Tecnico sta svolgendo ed anticipando che, nel futuro, saranno messi a diposizione/confronto una serie di video delle varie categorie professionistiche per verificare l’uniformità delle linee di interpretazione arbitrali.
Nel concludere i lavori il Presidente ha dato a tutti appuntamento al prossimo incontro calendarizzato per il 19 dicembre durante il quale sarà consegnato il Premio alla memoria di Luca Colosimo.

Nelle fotografie in gallery: gli interventi del Presidente dell'AIA Marcello Nicchi, del Responsabile della CAN C Antonio Damato, del Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, alcuni momenti della riunione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente