Tommasi: “Impegno e tecnica per migliorarsi sempre"

CRA Veneto

Tommasi: “Impegno e tecnica per migliorarsi sempreIl ciclo di incontri tecnici dedicati agli arbitri regionali si apre con i fischietti della massima serie regionale: “Siete i migliori del Veneto – ha detto Dino Tommasi, Presidente del CRA Veneto, aprendo il raduno di sabato 5 ottobre 2019 a S. Pietro in Gu (VI) – Dovete metterci sempre più impegno per affermarvi e non dovete mai trascurare lo studio tecnico e costante del Regolamento”. Sono stati molti i temi affrontati grazie all'analisi di episodi raccolti nelle prime giornate di Campionato: ampio approfondimento è stato dedicato al perfezionamento della lettura della gara. “Serve avere una concentrazione di alto livello per tutta la partita per poter interpretare al meglio le situazioni” ha detto Tommasi andando ad evidenziare la necessità di equità ed equilibrio nell’impostare la conduzione della gara.
“Vi è richiesto di alzare sempre di più la qualità del vostro arbitraggio e senza una preparazione atletica di altissimo livello non migliorerete mai le vostre prestazioni” ha sottolineato Dino Tommasi “Misuratevi atleticamente in allenamento e cercate sempre la perfezione". Il Referente atletico regionale Gregorio Mason ha testato con la prova dello Yo-Yo le qualità fisiche degli arbitri presenti: importante monitorare al meglio il risultato atletico nel corso della Stagione Sportiva per poter individuare le aree di intervento allo scopo di migliorarsi.
Reattività, brillantezza e dinamicità risultano essere fondamentali nella conduzione della gara: “Essere sempre sul pezzo è fondamentale e dovete di mostrarvi in grado di cogliere ogni dettaglio con l'obiettivo di raccogliere le sfumature che possono aiutarvi a capire lo sviluppo del giuoco” ha detto Tommasi introducendo il tema dello spostamento. “All'interno del terreno di giuoco dovete essere dinamici e dovete ricercare costantemente l’angolo migliore" ha detto il Presidente regionale parlando del cosiddetto “between" cercando di spronare i presenti a non accontentarsi della posizione più “comoda", ma ricercando sempre il punto di valutazione migliore, laterale, mai frontale.
Per emergere e migliorare partita dopo partita è fondamentale non trascurare anche la propria propensione psicologica: “Dovete abbandonare la teoria degli alibi, dovete essere consapevoli dei vostri mezzi e lavorare sui vostri limiti per superarli" ha detto Dino Tommasi confrontandosi con gli arbitri presenti “È importante non trascurare niente con la consapevolezza che con grande impegno, personalità e lavoro duro si può sempre migliorare e raggiungere grandi risultati".

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri