Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Meli: “L’arbitraggio è scuola nello sport e nella vita”

Michele Liviero - 04/11/2019, 09:00

Sezione di Vicenza
La Sezione “G.N. Bertoli” di Vicenza, in occasione della terza riunione tecnica obbligatoria, ha ricevuto la visita dell’assistente arbitrale a disposizione della Commissione Nazionale della Serie A, nonché assistente internazionale, Filippo Meli della Sezione di Parma come ospite estratto dal Comitato Nazionale per la Stagione Sportiva 2019/20.
Presenti tra la folta platea gli arbitri e dirigenti nazionali della Sezione e i Componenti regionali Giacomo Piccoli, Mario Schembri, Sergio Capozzi e Simone Schiavo che, dopo aver portato i saluti del Presidente regionale Dino Tommasi si sono così rivolti ai presenti: “Approfittate di questa grande occasione e cercate di assorbire il più possibile dal punto di vista tecnico ed umano da persone come Filippo”.
Dopo le consuete note introduttive da parte del Presidente sezionale Antonio Barbiero, l’illustre ospite è stato presentato attraverso un video che ha scandito le tappe fondamentali della sua brillante carriera. La serata è entrata nel vivo a partire da due immagini presentate dall’ospite come efficaci metafore del percorso arbitrale che ognuno di noi si accinge ad affrontare.
Un percorso mosso dal divertimento e dalla passione, ma allo stesso tempo impervio, impegnativo e costantemente in salita: “Se volete raggiungere la Serie A – continua Meli rivolgendosi in modo chiaro e diretto alla platea – Sta a voi trasformare ogni salita in discesa, mettendovi nelle condizioni migliori per cogliere le opportunità che vi verranno date”.
In un’incisiva digressione l’ospite ha quindi presentato le caratteristiche imprescindibili che ogni arbitro deve curare per affrontare al meglio il suo “percorso”: spirito di sacrificio (come commistione di rinunce, preparazione tecnica e atletica, perseveranza e organizzazione) serietà e rispetto (nei confronti di tutte le componenti del mondo arbitrale, in qualsiasi categoria).
Facendo riferimento diretto alla sua esperienza arbitrale e in un vivace scambio di opinioni con l’attenta platea, Filippo si è poi soffermato sulla gestione dei momenti negativi ribadendo la necessità di analizzare attentamente le cause di errore e di farne tesoro, senza lasciarsi abbattere al primo ostacolo: questa è l’unica ricetta per ottenere un miglioramento tangibile nella prestazione arbitrale.
“In quanto arbitri siete ragazzi con una marcia in più, mettetela in mostra in campo e nella vita: in bocca al lupo a tutti con l’augurio che ciascuno raggiunga il traguardo che sogna!” questo il monito e l’augurio finale rivolto da Meli agli associati berici.
Dopo aver consegnato all’ospite una targa in ricordo dell’importante evento e le foto di rito, a Filippo è stato dedicato un sentito ringraziamento da parte del Presidente sezionale Barbiero a nome di tutti gli associati della Sezione di Vicenza, per la cortese disponibilità e per i preziosi consigli dispensati durante l’intensa serata.

In copertina l’ospite con i dirigenti sezionali, regionali e nazionali. In galleria alcuni momenti della serata.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente