Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Jesi la riunione del Comitato Nazionale dell'Associazione Italiana Arbitri

16/11/2019, 12:30

Si è tenuta ieri a Jesi, nell'hotel Federico II, la riunione del Comitato Nazionale che ha preceduto il Consiglio Centrale in svolgimento quest'oggi, da stamani, alla presenza dei dirigenti di vertice nazionale e regionale.
L'ordine dei lavori del massimo organo a cui è demandata la gestione dalle norme federali, prevedeva la trattazione di argomenti di valenza amministrativa e associativa.
È stato riferito del parere fornito dalla Commissione esperti legali dell'AIA su alcune proposte di modifiche al regolamento associativo. Il Comitato Nazionale in composizione allargata dovrà, quindi, pronunciarsi prossimamente anche sulla possibilità per il Presidente dell'AIA ed i Presidenti di Sezione di essere eletti per massimo tre mandati. Naturalmente sarebbe valido il principio di candidabilità al quarto mandato per coloro che erano in carica alla data di entrata in vigore della legge 8 del 2018. La parità di genere nell'Associazione è il secondo argomento che verrà affrontato, consentendo di valutare le modalità di rappresentanza delle donne negli organismi direttivi a livello centrale e territoriale. Spetterà poi al Consiglio Federale la ratifica delle nuove norme.
Si terrà a Roma, il 19 novembre presso l'hotel Parco dei Principi, l'incontro tra arbitri calciatori, allenatori e dirigenti di Lega A, con la partecipazione dei giornalisti. Verrà affrontata nuovamente l'applicazione della procedura VAR (Video Assistant Referee) insieme al chiarimento di alcuni aspetti tecnici a seguito delle disposizioni IFAB entrate in vigore quest'anno nel regolamento di giuoco.
La partenza, nei giorni scorsi, dei lavori di realizzazione della Var Room nel Centro Tecnico Federale di Coverciano è stato un argomento particolarmente approfondito. La struttura tecnologica sarà pronta per la prossima primavera, quando ne verrà testato il funzionamento per la Stagione Sportiva seguente.
Sul reclutamento arbitrale è stata fatta un'analisi approfondita alla luce dei dati che arrivano dalle 207 Sezioni, alle quali è stata data la possibilità di investire delle risorse economiche per iniziative promozionali. Le risultanze sono buone ma non del tutto soddisfacenti. Alla fine del mese di Novembre verranno tirate le somme del numero degli aspiranti arbitri e, al termine e dello svolgimento dei corsi, verrà reso noto il numero dei nuovi immessi.
Gli episodi di violenza palesano dati, per la prima volta rilevati dall'Osservatorio dell'AIA, tendenzialmente in diminuzione su tutto il territorio e in ogni Campionato nel confronto con quanto avveniva al 31 Ottobre dello scorso anno. Gli effetti delle nuove e più restrittive disposizioni della Federazione per contrastare i fenomeni di violenza nel calcio cominciano a dare risultati.
È stata approvata la relazione di fine Stagione della CAN Beach Soccer, alla cui Commissione il Presidente Marcello Nicchi ha rivolto le congratulazioni per la qualità del lavoro svolto e gli obiettivi raggiunti, elevando le performance tecniche del gruppo arbitrale a disposizione.
Ratificate all'unanimità la variazione al bilancio del 2019, con alcune richieste per attività centrali e regionali, che la elaborazione di proposta per la formazione del budget previsionale 2020. Ratificate anche alcune delibere amministrative, assunte d'urgenza per esigenze gestionali.
È stato deliberato un progetto di revisione delle diarie, suddivise in fasce chilometriche, per le visionature che effettuano gli Organi Tecnici Sezionali. Tale introduzione necessita di ratifica da parte della Federazione in quanto i costi confluirebbero nel budget a diretto carico di FIGC.
Approvati gli elenchi degli associati che compiono 50 anni di tessera, cioè di appartenenza associativa, e di un ulteriore gruppo che transita come arbitro fuori ruolo, fatta eccezione di alcuni che non hanno perfezionato la richiesta sulla base di quanto disposto dall'art. 51 del Rrgolamento AIA.
Infine, è stata definita la circolare recante le modalità per l'assegnazione delle benemerenze agli arbitri che abbiano maturato il punteggio.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente