Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Di Liberatore della CAN C: “Mai trascurare i particolari”

Giuseppe Giacco - 29/11/2019, 08:00

Sezione di Sapri
Nella serata di lunedì 18 novembre, a Sapri, si è tenuta la riunione tecnica con ospite d’eccezione Elenito Di Liberatore della Sezione di Teramo.
Ex assistente internazionale, dalla Stagione Sportiva 2019/2020 Componente per la Commissione Arbitri Nazionale di Serie C, l’ospite è stato sorteggiato dall'AIA Centrale nell'ambito del tour tecnico-didattico annuale per le sezioni.
Accolto con un video che riproponeva la brillante carriera, il gradito ospite ha immediatamente ottenuto l’attenzione della platea, parlando a braccio e senza l’ausilio di slide e filmati, portando avanti una lezione non solo di arbitraggio, ma anche e soprattutto di vita.
Ha quindi iniziato a raccontare aneddoti, storie di vita e a dare consigli alla giovane platea.
Molti sono stati gli arbitri coinvolti, sollecitati alla discussione e chiamati a esprimere un’opinione sui diversi focus regolamentari trattati.
«Ciò che accomuna tutti è la paura di sbagliare; più si pensa allo sbaglio più accade, l'esperienza diminuisce tale paura, ma anche la conoscenza del regolamento e l'aspetto atletico sono necessari ai fini di un'ottima prestazione». Così Di Liberatore. «L’arbitro intelligente è quello che impara a conoscere i propri difetti e lavorare per migliorarsi».
Elenito hai poi lanciato messaggi importanti durante la riunione, tra cui quello di non cercare mai alibi nella vita: «Per diventare bravi arbitri è necessario porre attenzione anche ai minimi particolari, dimostrando in ogni circostanza autorevolezza, rispetto per gli altri, competenza ed efficacia. Bisogna essere flessibili e capaci di gestire le situazioni che si creano. Bisogna essere così bravi da anticipare i cambiamenti».
Prima di chiudere la sua lezione, l’ospite con orgoglio si è detto fiero di essere arbitro, non tanto perché l’AIA gli ha dato la notorietà, ma perché gli ha trasmesso valori e permesso giorno dopo giorno di fare nuove esperienze, imparare cose che lo fortificano e soprattutto di girare il mondo e conoscere persone vere con le quali si riescono ad instaurare legami forti.
Presenti all'incontro, oltre all’arbitro Maria Marotta e al Componente del Comitato Regionale Arbitri Campania Marco Citro della Sezione di Battipaglia, anche alcuni Presidenti sezionali, nonché arbitri e assistenti campani anche loro inquadrati in CAN C.
La riunione si è conclusa con il Presidente Francesco Tulimieri che ha omaggiato l’ospite per la sua gradita presenza.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente