L’incontro degli associati nazionali

CRA Piemonte-Valle d'Aosta

L’incontro degli associati nazionali Si è svolto presso l’Agorà Palace di Biella l’incontro annuale che il Comitato Regionale Arbitri Piemonte e Valle d’Aosta dedica ai propri associati nazionali, un momento per incontrarsi e stare insieme, nella consapevolezza di rappresentare un punto di riferimento per i propri colleghi che operano a livello locale.
A dare il benvenuto, alla presenza del Componente del Comitato Nazionale Alberto Zaroli e del Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, è stato il Presidente del Comitato Luigi Stella che ha voluto ringraziare i presenti, rappresentando la propria soddisfazione per il cammino intrapreso: “Fare il dirigente significa gioire dei successi dei propri associati. I vostri risultati tecnici mi inorgogliscono, così come grande è la soddisfazione per la riuscita del progetto formativo messo in campo all’inizio di questa Stagione, che vede coinvolti tutti voi”.
Infatti, a partire da questa annata sportiva, gli arbitri operanti nelle categorie nazionali sono stati “sorteggiati”, proprio come avviene su base nazionale, per tenere delle riunioni tecniche in qualità di relatori nelle 16 sezioni del CRA.
“I Presidenti di Sezione mi danno un feedback estremamente positivo e la vostra disponibilità nel condividere conoscenze ed esperienze è di grande importanza per la crescita del nostro movimento. Il fatto, poi, che l’idea sia partita proprio dagli arbitri di vertice, rappresenta un chiaro segnale dei valori di cui siete portatori”.

Hanno fatto seguito i saluti e gli interventi di Chiara Perona, arbitro internazionale di Futsal a cui nel corso della serata è stato altresì consegnato il Premio Presidenza AIA, di Gianluca Manganiello e Luca Pairetto, arbitri CAN A, di Marco Serra, arbitro CAN B, degli assistenti arbitrali Damiano Di Iorio (CAN A), Salvatore Affatato, Riccardo Annaloro, Marcello Rossi e Fabio Schirru, tutti in forza alla CAN B, oltre che del Componente CAN B Riccardo Di Fiore e del Componente CAN C Paolo Calcagno, sempre pronti a mettersi a disposizione nonostante i numerosi impegni che li vedono quotidianamente impegnati.
In chiusura di riunione spazio all’intervento di Alberto Zaroli, che ha ricordato ai presenti l’importanza di mantenere un tratto umile e disponibile in quanto è il modo migliore per restituire quanto negli anni si è ricevuto dall’Associazione: “I vostri successi sono certamente il frutto della vostra applicazione, ma sono anche il risultato del lavoro di chi ha creduto in voi, consentendovi di crescere tecnicamente ed umanamente. Siate attenti a non porvi mai su un piedistallo, rimanete tra i colleghi, nelle sezioni, per indicare con i fatti la via da seguire.”
E non avrebbero potuto essere pronunciate parole più adeguate per una simile occasione, una serata di festa e partecipazione che ha unito arbitri e dirigenti nazionali agli associati biellesi, chiamati a raccolta per festeggiare la loro collega di Sezione e condividere un momento di grande soddisfazione, nell’auspicio che siano sempre di più le gioie e le soddisfazioni per la squadra del Piemonte e della Valle d’Aosta.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri