Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Riunione con l'arbitro della CAN A Marco Piccinini

11/01/2020, 08:00

Sezione di Bolzano
Una serata storica, da ricordare. In occasione dell'ultima riunione tecnica obbligatoria, la Sezione AIA di Bolzano "Mario Bregoli" ha avuto il grande onore e l' immenso piacere di ospitare l'arbitro di Serie A, Marco Piccinini, della Sezione di Forlì.
Piccinini, nato a Forlì nel 1983, è diventato arbitro nel 2003, a 19 anni. Arrivato in Lega Pro nel 2011, ha trascorso cinque anni in terza serie, nei quali ha diretto anche la finale play-off tra Foggia e Pisa. Nel 2016, venne promosso in CAN B, esordendo nella gara tra Pro Vercelli e Citadella. Il 20 settembre 2017, ha debuttato in Serie A, nella gara Atalanta-Crotone. Il 3 luglio 2019 venne promosso in CAN A.
Il 13 gennaio 2017, Piccinini ha vinto il Premio Luca Colosimo come miglior arbitro della Lega Pro ‪2015-2016‬. Nel 2019 è stato insignito del Premio Giorgio Bernardi, un riconoscimento assegnato al miglior arbitro debuttante in Serie A.
A fare gli onori di casa il Presidente di Sezione Alessandro Zampieron, che in nome del Consiglio Direttivo e di tutti i fischietti bolzanini ha ringraziato Piccinini per la gradita presenza, lasciando poi la parola all'ospite.
Ai giovani arbitri bolzanini, Piccinini ha raccontato aneddoti riguardanti la sua carriera, le difficoltà avute agli inizi, gli sforzi fatti per migliorarsi, per emergere. "Per me, l'arbitraggio è diventato il lavoro più bello che si può immaginare. Ogni gara è un grande divertimento, è una gioia quando sento l'odore del terreno di giuoco", così Piccinini che ha definito la sua passione un "virus arbitrale".
La serata con l'ospite è stata molto interessante, incentrata sulla preparazione atletica e mentale, sui valori, sull'impegno e la passione che l'arbitraggio richiede. Il messaggio di Piccini ai giovani associati era quello di vivere questa meravigliosa attività sempre con forza e coraggio e dare sempre il meglio di sè stessi.
Poi Piccinini ha spostato l'attenzione sul piano tecnico sviluppando. Attraverso l'analisi di video estrapolati da gare da lui arbitrate, ha chiamato ogni arbitro o assistente a descrivere la situazione visionata e a valutare l'accaduto.
La piacevole riunione si è conclusa con gli omaggi all'ospite da parte del Presidente Alessandro Zampieron, il quale ha ringraziato Piccinini per esser stato capace di coinvolgere i ragazzi e di trasmettere loro messaggi importanti. A fine serata una cena in compagnia ha concluso degnamente un evento volto alla preparazione dei giovani arbitri per il futuro loro e quello della Sezione bolzanina.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente