Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Concluso il raduno CAI, Gervasoni: “Nulla è finito, avanti fino all’ultima giornata”

Antonio Ranalli - 18/01/2020, 16:16

“Non è finito nulla, né in su né in giù. Fino all’ultima giornata”. Lo ha detto il Responsabile della Commissione Arbitri Interregionale, Andrea Gervasoni, in occasione della giornata conclusiva del raduno di metà campionato della CAI, che si è tenuto il 17 e 18 gennaio al Grand Hotel Duca D'Este di Tivoli Terme.
Gervasoni ha spronato i suoi arbitri a dare il massimo in questa seconda parte di campionato invitando a non mollare sia chi ha avuto buone prestazioni e sia chi pensa di essere inciampato in qualche gara. “Non è finito nulla”, ha detto il responsabile della CAI, “avrete sempre l’Organo Tecnico in una regione diversa. E quando c’è l’Organo Tecnico vuol dire che è la gara più bella della regione. Gli osservatori non hanno punti di riferimento. Io nomi non ne creo. Voglio gente che si merita il voto per quello che sta facendo. Se pensate che sia finita lo avete deciso voi. Posso sprecare tutte le parole del mondo, ma se non ci credete voi? Io posso insegnarvi come ho creduto in me stesso. Dateci la possibilità di portarvi tutti allo stesso numero di gare. Adesso inizia il bello. Non avete ancora visto nulla”.
Una giornata molto intensa e ricca di contenuti, in cui non sono mancati contributi video, con citazioni di film che, seppur ambientati in contesti diversi, hanno evocato stati d’animo e situazioni molti affini ai giovani arbitri presenti. In particolare, in apertura, Gervasoni ha mostrato un video dell’allenatore di basket Alberto Bucci, realizzato un mese prima della sua scomparsa per salutare amici e tifosi. Bucci ricorda la sua carriera ma soprattutto le emozioni e le amicizie: “I risultati non contano. Io ricordo le persone con cui sono stato insieme, persone che mi hanno regalato emozioni e sentimenti. E salutarci adesso è difficile”. Gervasoni ha spiegato di aver voluto mostrare questo video ai ragazzi perché “in due minuti riassume la gestione di un gruppo”.
La Commissione è poi intervenuta su aspetti regolamenti e particolari situazioni di giuoco in cui ha chiesto di prestare sempre massima attenzione. “Dobbiamo fare le cose semplici”, ha proseguito Gervasoni, “quando sbagliamo le cose semplici siamo in difficoltà”. In particolare Tiziano Reni e Diego Roca sono intervenuti sullo spostamento in campo, mentre Gaetano Intagliata sul posizionamento su calci di punizione e di rigore.
In chiusura di raduno Gervasoni ha ricordato alcuni elementi che non devono mai mancare ai suoi ragazzi: ovvero “comportamenti irreprensibili” e “divertirsi seriamente”. “Un ringraziamento a tutti”, ha concluso il responsabile della CAI, “possiamo migliorare davvero tanto, però la strada è quella giusta. La via è tracciata. Sta solo a voi non perdervi per strada. Io ho una sola certezza: che noi non ci arrenderemo mai”.

In gallery:
1. Il responsabile della CAI Andrea Gervasoni apre la seconda giornata del raduno
2. Gli arbitri alla seconda giornata del raduno CAI
3. Gli osservatori alla seconda giornata del raduno CAI
4. L’intervento del Componente della Commissione Tiziano Reni
5. L’intervento del Componente della Commissione Diego Roca
6. L’intervento del Componente della Commissione Gaetano Intagliata
7. Andrea Gervasoni chiude il raduno

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente