Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A lezione con l’assistente della CAN B Thomas Ruggieri

Antonella La Torre - 09/02/2020, 19:30

Sezione di Chieti
Continuano gli incontri formativi per gli associati della Sezione di Chieti, che lunedì 27 gennaio sono stati a lezione con Thomas Ruggieri, assistente della Commissione Arbitri Nazionale della Serie B.
Fortemente voluta dal Presidente Gianluca Rutolo, la riunione con Thomas ha fatto registrare la partecipazione attiva di tanti ragazzi, tra cui giovani frequentanti l’ultimo Corso arbitri, ma anche di osservatori che hanno visto crescere l’ospite nelle categorie regionali.
Non c’è stata necessità di presentazioni particolari, Thomas è un giovane assistente con cui tanti associati teatini hanno condiviso le categorie nazionali e altrettanti ragazzi in forza al Comitato Regionale Abruzzo hanno il privilegio di seguirlo negli allenamenti al Polo Nazionale di Pescara.
“Pensiamo al percorso arbitrale come a uno zaino dove possiamo inserire tutte le informazioni che ci servono, i nostri scivoloni, gli errori degli altri, i consigli dei più esperti, la conoscenza dei calciatori e apriamolo per attingervi ogni volta che ne abbiamo bisogno”. Così l’assistente di Serie B ha semplificato la sua idea della carriera di un arbitro.
Dopo aver proiettato uno spezzone di un film ambientato a New York con cui ha catturato la curiosità dei più giovani, Thomas ha dato il via alla sua lezione proponendo una carrellata di slide in parallelo con gli eventi accaduti al protagonista del video motivazionale di apertura.
L’arbitro in ogni momento deve ricercare la visuale migliore per decidere e pertanto deve essere atleticamente all’altezza della sua gara, deve chiedere la collaborazione dei suoi assistenti e allo stesso tempo esser capace di prevedere quando questi hanno bisogno del suo aiuto. Infine, è costantemente sotto la ‘minaccia’ dell’evento inatteso.
Su questi aspetti ci si è soffermati maggiormente durante la lezione.
Numerose sono state le domande e le curiosità da parte dei ragazzi, che hanno partecipato attivamente e sono stati coinvolti nell’analisi di ogni clip, potendo così approfittare sia dell’esperienza tecnica ma anche delle qualità umane e della grande disponibilità dell’ospite.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente