Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La giusta carica di metà Campionato alla linea verde

Giuseppe Chioccola - 14/02/2020, 16:00

CRA Campania
"Perdete la qualità di essere un numero ed entrate nell'ottica dell'essere arbitro. Date tutto fino alla fine e non permettete a nessuno di compromettere le vostre prestazioni rovinandovi una parte della vostra vita arbitrale". Con un imperativo forte, preciso e significativo il Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Campania Virginio Quartuccio salutava i fischietti di Prima Categoria ed apriva una giornata lunga ed intensa, ma proficua sotto l’aspetto della crescita tecnica. Un monito chiaro con il quale si chiedeva di dare sempre il massimo, garantendo una seconda parte di Stagione di alto profilo, in linea con quanto programmato dal massimo organo regionale.
Dunque l’attività tecnico - didattica svolta dal CRA Campania prosegue spedita e con gli arbitri di Prima Categoria si è chiuso il ciclo di raduni di metà campionato.
Un appuntamento decisivo, sia per i tanti che mirano ad affacciarsi alle massime categorie campane, sia per coloro che vogliono evitare il ritorno in Sezione.
Teatro di incontro la consueta location di Baronissi, luogo dove mercoledì 12 febbraio si sono intrecciati sogni e speranze, certezze e delusioni. Appuntamento per i fischietti allo stadio Figliolia per i consueti test atletici (40 mt e YoYo-Test), diretti dal Referente Attilio Sannino e tenutisi alla presenza dell’Organo Tecnico Ettore Cuomo e del Collaboratore di Prima Categoria Massimo Manzolillo.
Poi spostamento presso una struttura alberghiera del posto, dove ai fischietti sono stati subito somministrati i quiz regolamentari supervisionati dai Componenti del Settore Tecnico Salvatore Russo di Sapri ed Antonello Ruggiero di Avellino.
A seguire, alla presenza anche dei Componenti Vincenzo Di Maio, Rosario Angrisani, Gennaro Leone ed Alberigo Galluccio, l'Organo Tecnico Ettore Cuomo ha fornito linee guida ed alcune disposizioni tecnico-comportamentali: "Questo per voi è un appuntamento da non sbagliare. Sfruttate al massimo tutte le opportunità che vi vengono offerte e mettete nel vostro bagaglio personale tutto ciò che vi viene detto. Voi rappresentate il nostro vivaio, voi siete il settore giovanile delle massime categorie campane. Dunque non sentitevi appagati ma lavorate bene, impegnatevi in maniera forte e determinata per crescere e migliorare nei difetti. Questo è l’unico modo per essere accettati".
Dopo il pranzo ed un breve momento di relax, necessario per recuperare dalle fatiche mattutine, via all’attività tecnica. Focus puntati su falli e scorrettezze attraverso la visione di appositi video con i fischietti chiamati, anche con un confronto didattico, a decidere il corretto provvedimento tecnico e disciplinare da adottare.
"Non siete più agli inizi, crescete dal punto di vista tecnico e comportamentale mettendo in campo tutte le vostre conoscenze perché il massimo organo regionale valuterà e premierà solo il merito. Siate dunque credibili e convinti delle decisioni che andrete a prendere facendolo sempre in maniera equa ed insindacabile. Metteteci autorevolezza e non autorità: questo è sintomo di personalità", ha più volte ripetuto il Presidente Quartuccio ai ragazzi durante i lavori.
Poi con la spiegazione della compilazione del referto elettronico da parte del Componente della Commissione del Servizio Informatico Giovanni Pantalone, e i saluti dei Componenti, si concludeva un’intensa giornata di crescita tecnica.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente