Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Giovanni Ayroldi: “Arbitrare è la cosa più bella del mondo”

Daniela Novelli - 07/03/2020, 17:00

Sezione di Campobasso
Giovedì 27 febbraio gli arbitri della Sezione di Campobasso hanno avuto il piacere di ospitare Giovanni Ayroldi, arbitro da questa Stagione nell’organico della Serie B della Sezione di Molfetta. Ventotto anni e già un curriculum arbitrale con tanti passaggi repentini di categoria ricchi di esperienze ed emozioni.
Giovanni racconta alla platea il suo percorso e nelle sue parole traspare soddisfazione e tanta voglia di continuare a crescere ponendo poi una domanda ai presenti: “Che cos’è per voi l’arbitraggio?”. Le risposte hanno avuto tutte lo stesso contenuto confermando che è uno stile di vita perché si è arbitri sempre, anche nella vita quotidiana. E Giovanni che è stato abituato sin da piccolo a guardare gare di calcio e ad essere circondato da persone che hanno calcato campi importanti, lo sa molto bene. Ed è qui che entra in gioco la famiglia: Stefano, il papà, ex assistente internazionale e Nicola, lo zio, ex arbitro di Serie A, hanno sicuramente contribuito alla sua veloce crescita dando consigli e spronandolo a dare sempre il meglio di se e, a prescindere, è il pilastro portante della vita che aiuta ad affrontare tutto con maggiore serenità. Oltre a questa, anche la Sezione e la squadra della Commissione Nazionale Arbitri di Serie B sono da considerarsi vere e proprie famiglie.
Un altro tassello fondamentale è la squadra arbitrale e la sua gestione, in quanto bisogna coordinare personalità e competenze, motivare e mediare, ma soprattutto avere il senso di gruppo in modo tale da andare tutti nella stessa direzione per raggiungere lo stesso obiettivo. Va aggiunto a tutto questo una grande metodica concentrazione durante il pre-gara, aspettandosi anche l’inaspettato e, perché no, anche un po’ di scaramanzia.
Non sono mancati poi dei video in cui Giovanni ha sottolineato tutti gli aspetti citati e degli aneddoti che hanno suscitato curiosità e divertimento. Prima di concludere la riunione, Ayroldi ha esortato tutti i presenti “a non avere paura di sognare, di essere a volte esagerati e di sbagliare, di non aver paura di scendere in campo ed indossare quella divisa perché arbitrare è la cosa più bella del mondo”.
“Un ragazzo valido, un arbitro di competenza e umanità – afferma entusiasta il Presidente Andrea Nasillo - Giovanni ha regalato ai tanti colleghi di Campobasso una lezione tecnica e di vita”.

Copertina: La diapositiva di chiusura dell’intervento di Ayroldi
In gallery:
1. Il presidente Andrea Nasillo introduce l’ospite della serata.
2. La platea presente alla riunione.
3. Giovanni Ayroldi durante il suo intervento.
4. La domanda che ha posto Giovanni alla platea.
5. Il pensiero finale di Ayroldi sull’arbitraggio.
6. Giovanni Ayroldi viene omaggiato dal Presidente della Sezione di Campobasso Andrea Nasillo.
7: Il consiglio direttivo della Sezione di Campobasso con Giovanni Ayroldi.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente