Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Angelo Galante: "Essere arbitro per conoscere sé stessi"

Marco Scapin - 11/03/2020, 13:00

Sez. di Bassano del Grappa
Nel mese di Febbraio la Sezione di Bassano del Grappa ha avuto il piacere di ospitare l'arbitro internazionale della Commissione Nazionale del Calcio a 5 Angelo Galante, appartenente alla Sezione di Ancona. E' stata una riunione a tutto tondo, iniziata con il commosso ricordo di Loris Azzaro, arbitro recentemente scomparso, alla ricerca di un sogno che accumuna noi tutti suoi colleghi. "Essere arbitro non è la stessa cosa che fare l'arbitro" ricorda Galante nel suo intervento; essere arbitro implica preparazione della gara, forte capacità di decidere e lucidità nel non trovare giustificazioni per i momentanei insuccessi. Alla base di tutto c'è la conoscenza: conoscere in primis noi stessi, le nostre capacità e sfidare i propri limiti, allenarsi, studiare il regolamento, aggiornarsi frequentando con assiduità la Sezione. Conoscere poi il contesto in cui andiamo ad agire, non arrivare impreparati alla gara e considerare sempre la Serie A la nostra gara della settimana successiva".
Angelo ricorda con piacere le numerose finali scudetto dirette a Bassano, il vincolo di amicizia con il Presidente di Sezione Marcello Mezzasalma con cui ha condiviso molti anni alla CAN 5 e la vicinanza con gli attuali colleghi nazionali bassanesi. Inseguito passa ad analizzare le peculiarità che deve possedere un arbitro di Calcio a 5: la concentrazione, la perfetta conoscenza regolamentare, la preparazione atletica e la capacità di discernere le varie tipologie di falli in modo congruo ed omogeneo.
Con alcuni filmati tratti da gare dirette in competizioni internazionali, entra più nel vivo della specifica tecnica arbitrale: è fondamentale proteggere l'incolumità dei calciatori per proteggere il gioco, l'applicazione del "wait and see", il fallo di mano ed il controllo dei contatti alti fallosi.
Per concludere, Angelo sottolinea che dopo 25 anni di appartenenza all' Associazione conserva la stessa passione e motivazione che lo ha spinto nel 1994 ad iscriversi al corso arbitri; l'invito ai giovani arbitri è quello di applicarsi con gioia e fiducia in questa grande passione che accomuna per cercare di realizzare i loro sogni.

In copertina l'arbitro internazionale Angelo Galante con il Presidente Marcello Mezzasalma e i colleghi della Can 5. In gallery il Presidente Marcello Mezzasalma omaggia Angelo Galante.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente