Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Concluso il primo Corso Arbitri in videoconferenza

22/06/2020, 19:30

Sezione di Reggio Calabria
Si è tenuta in data 16 giugno la sessione di esami del Corso Arbitri straordinario svoltosi nei mesi di aprile e maggio, durante il periodo pandemico, in collegamento online, diretto da Antonio Turiano e che ha visto partecipare durante il suo svolgimento una quindicina di ragazzi e ragazze. Per la prima volta per la sezione AIA di Reggio Calabria la sessione di esami si è svolta in videoconferenza ed ha avuto come Presidente della commissione di esami il Presidente Regionale Francesco Longo.
Prima dell’inizio delle prove Longo ha tratteggiato la figura dell’arbitro e dell’AIA agli aspiranti arbitri, cercando di far capire loro l’importanza dell’entrare a far parte di una famiglia, dove potranno farsi nuovi amici, nuovi rapporti sociali e dove potranno avere sempre un aiuto e qualcuno pronto ad ascoltare ogni tipo di problematica. Quindi con l’ausilio del Referente regionale per l’informatica Gaspare Concolino è stato somministrato il quiz a risposta multipla sempre tramite piattaforma Google Meet, a cui i futuri associati hanno fatto fronte con buone risposte tecniche.
Infine, si è tenuto l’esame orale, per ognuno di loro, con il supporto di tutta la commissione esaminatrice composta, oltre che dal Presidente Regionale, anche dal Presidente della Sezione Francesco Catona e dal Vicepresidente Filippo Latella. La Commissione ha potuto verificare che, nonostante l’insolita modalità di svolgimento del corso, la didattica utilizzata è stata valida ed ha condotto ad un buon apprendimento da parte dei discenti del regolamento tecnico - associativo sotto ogni suo aspetto.
In conclusione, sono entrati a fare parte dell’AIA Antonino Azzarà, Giorgia Candido, Gaetano Crea, Andrea Cosmano, Lorenzo Pio Galiano, Laura Nucera, Gabriele Pensabene, Marta Santacaterina e Flavio Vespasiano, i quali, con il passare degli anni, ricorderanno sicuramente le modalità del loro ingresso nella famiglia arbitrale svoltosi con un sistema innovativo e che, scoperto per il periodo pandemico, sarà certamente utilizzato anche in futuro affiancando le consuete modalità operative.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente