Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Coverciano l'incontro tra il Settore Tecnico dell'AIA ed i Presidenti regionali

Federico Marchi - 01/08/2020, 23:00

Ha preso il via oggi a Coverciano l’incontro di inizio Stagione Sportiva tra il Settore Tecnico dell’AIA ed i Presidenti dei Comitati Regionali e Provinciali di Trento e Bolzano. In apertura di giornata il nuovo Responsabile Matteo Trefoloni ha presentato la sua squadra composta dai Vice Marco Ivaldi (nord), Riccardo Tozzi (centro) e Domenico Celi (sud), dal Coordinatore Marcello Marcato e dai Responsabili dei moduli Enzo Meli (Regolamento e Perfezionamento Tecnico - calcio), Francesca Muccardo (Regolamento e Perfezionamento Tecnico - calcio a cinque), Valentina Garoffolo (Talent & Mentor), Vincenzo Gualtieri (Preparazione atletica) e Angelo Pizzi (Bio-Medico), presente anche il Componente Stefano Papi.

All’incontro è intervenuto il Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi, che ha ripercorso l’attività degli ultimi mesi ed ha parlato delle prospettive future. “Quando ci sarà la possibilità di giocare, gli arbitri saranno pronti con la loro passione e le loro capacità – ha detto il Presidente dell’AIA – Tutto quello che deciderà il Governo, il Comitato tecnico scientifico e la Federazione verrà tempestivamente trasferito al territorio. Siamo in stretto contatto con il Presidente federale, che per come è preparato potrebbe fare l’arbitro, e con le componenti delle Leghe. Quando si parla lo stesso linguaggio ci si capisce meglio. Voi come Presidenti regionali siete persone che, anche in questo periodo difficile, avete dimostrato grandi capacità. Noi arbitri siamo portatori di regole e anche in questi mesi lo abbiamo dimostrato. L’AIA è un’Associazione per bene, con dei ragazzi che sono la migliore gioventù. Il momento delicato non è finito, ma noi ci faremo trovare pronti per qualunque esigenza”.

“Questi saranno due giorni di lavoro, durante i quali esporremo i nostri progetti e faremo tecnica – ha detto in apertura Matteo Trefoloni – L’obiettivo è quello di stabilire un punto di contatto, innanzitutto tra regioni, CAI e CAN D, per parlare tutti la stessa lingua. Sarà quindi importante lavorare in sinergia, dandoci una linea che vada nella stessa direzione per fare un percorso insieme. Il ruolo del Settore Tecnico è quello essere un servizio, fornendo tutto il supporto e gli strumenti possibili”.

“Siamo contenti per come sia iniziata l’organizzazione della nuova Stagione Sportiva – è intervenuto nuovamente il Presidente Nicchi - Puntiamo molto sul Settore Tecnico. E’ un grande piacere che dopo pochi giorni sia già operativo con nuovi progetti”.

Il Vicepresidente Narciso Pisacreta, nel salutare i presenti, ha dato un benvenuto speciale ai quattro nuovi Presidenti di regione: Fabrizio Lanciani (Abruzzo), Giancarlo Rubino (Campania), Marcello Angiuoni (Sardegna) e Massimo Biasutto (Veneto). “Quello che è accaduto negli ultimi mesi ci ha insegnato alcune possibilità altamente innovative – ha detto – Sono state quindi studiate alcune soluzioni, tramite strumenti e piattaforme, attraverso le quali ci sarà la possibilità di portare sul territorio la tecnica arbitrale per un’uniformità di giudizio. Il livello è alto e l’obiettivo è quello di migliorare la qualità tecnica”. Pisacreta ha poi parlato di aspetti organizzativi dell’attività periferica (raduni, consulte e allenamenti) che devono essere costantemente in linea con le disposizioni sanitarie nazionali di sicurezza, legate alla prevenzione del Covid-19.

Durante il pomeriggio è stata affrontata la Circolare 1, contenente le novità regolamentari per la nuova Stagione Sportiva, illustrata da Enzo Meli. Si poi proceduto con un focus dedicato ai “Challenges” (contrasti) “Per rendere più chiara l’interpretazione di alcuni episodi, fornendo strumenti pratici per effettuare un’analisi sui diversi casi con criteri precisi – ha spiegato Trefoloni – Si tratta di un lavoro che sarebbe interessante sfruttare in occasione dei raduni. E’ infatti un metodo che vorremmo utilizzare anche in futuro”. Il lavoro sarà messo a disposizione di tutti gli associati tramite il cloud, dove potrà essere scaricato ed utilizzato. Molti sono stati i filmati proiettati e dibattuti in aula. Ad illustrare i video, in cui venivano mostrate le diverse tipologie di contrasti ed i relativi provvedimenti disciplinari da assumere, sono intervenuti Domenico Celi e Riccardo Tozzi.

In serata è stata presentata la “piattaforma tecnica”, un progetto in fase di elaborazione rivolto a tutti gli arbitri nazionali e regionali per un potenziale di circa 6000 associati, che permetterà di svolgere diverse tipologie di lavoro per effettuare una formazione a distanza in continuo aggiornamento, anche tramite la condivisione di filmati da tutt’Italia. “Sarà un aiuto per lavorare da remoto con i ragazzi, non solo in questo momento ma anche in futuro, permettendo di alternare incontri in presenza con attività a distanza” ha detto Matteo Trefoloni.


Nelle fotografie in gallery: l’intervento di Nicchi, l’apertura di Trefoloni, i Presidenti in aula, il saluto di Pisacreta, alcuni momenti delle riunioni con Tozzi, Celi, Meli e Garoffolo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente