Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno precampionato nel ricordo di Daniele De Santis

Alessia Evangelista - 13/10/2020, 19:30

Sezione di Lecce
Nel Salone dell’Hilton Garden Hotel di Lecce aleggiava una presenza impalpabile, ma molto avvertita da tutti i partecipanti all’annuale raduno tecnico degli arbitri e degli osservatori arbitrali della Sezione di Lecce, quella di Daniele De Santis, così drammaticamente e violentemente strappato alla vita insieme alla sua compagna Eleonora.
Emozione, sconcerto, rabbia, dolore, commozione si leggevano sui volti dei giovani arbitri che avevano in Daniele, collega sempre disponibile e attento alla loro crescita, un esempio da seguire, un faro sempre acceso cui riferirsi come guida tecnica ed umana.
Lo scorso 3 ottobre è iniziato in questa atmosfera il raduno, dedicando a Daniele un minuto di silenzio e un video con immagini della sua prestigiosa carriera arbitrale: il suo viso sereno, sorridente era immortalato dalle immagini insieme alla sua postura determinata, ferma ed autorevole nelle riprese di alcuni momenti delle sue direzioni di gara.
Non è stato facile iniziare i lavori, ma il Presidente Paolo Prato, dopo aver ricordato la figura di Daniele, ha invitato i partecipanti a impegnarsi nel seguire il raduno, avendo sempre la sua memoria come fonte di ispirazione a raggiungere sempre migliori traguardi.
Anche Angelo Binetti, Componente del Settore Tecnico, ha dovuto superare una sua naturale commozione per iniziare la presentazione a tutti gli arbitri ed osservatori delle modifiche regolamentari contenute nella Circolare n. 1: con grande dovizia tecnica ed esauriente verbalizzazione, è riuscito a coinvolgere la platea interessandola alle innovazioni e interagendo con i giovani arbitri al fine di verificare la loro attenzione e la loro competenza tecnica. Sono stati analizzati tutti filmati che hanno consentito di favorire un efficace apprendimento delle novità apportate dalla circolare.
I test tecnici, cui sono stati tutti sottoposti, hanno dato risultati positivi e lasciano ben sperare in una adeguata formazione tecnica, in particolare dei giovani arbitri che dovranno a breve iniziare la loro attività.
Dopo un coffee break, i lavori sono ripresi con l’illustrazione da parte del Presidente Prato delle norme comportamentali che l’Organo Tecnico Sezionale ha inteso diramare per consentire agli arbitri di avere un vademecum preciso e circostanziato per essere in grado di assolvere con precisione al loro mandato.
Successivamente, i Consiglieri Mario Graziuso e Andrea Recupero si sono soffermati nell’esaminare il Protocollo FIGC relativo alla ripresa dei campionati dilettantistici: un quadro di riferimento complesso che è stato analizzato per garantire nell’assolvimento della funzione arbitrale il massimo rispetto della normativa anti COVID e la tutela della salute dei soggetti che partecipano all’attività agonistica.
Ultimo step dell’intensa giornata, l’analisi di numerosi video di natura tecnica presentati dai Componenti l’OTS e da alcuni arbitri degli Organi Tecnici Nazionali e dell’Organo Tecnico Regionale, che hanno aiutato i giovani a riflettere e trovare adeguate risposte a casi di particolare interesse e complessità, al fine di valorizzare la loro formazione tecnica e irrobustire la loro dimensione comportamentale.

In copertina gli arbitri dell’Organo Tecnico Sezionale
In gallery:
1. Gli arbitri in un momento del raduno
2. Mario Graziuso, Componente del Consiglio Direttivo, mentre informa i giovani arbitri delle nuove linee guida per il COVID.
3. Visione e commento dei video insieme a Marco Capilungo (in foto), ad Angelo Tomasi e ad Andrea Recupero.
5. Angelo Binetti, Componente del Settore Tecnico della Sezione di Brindisi, mentre spiega la Circolare numero 1 ai giovani arbitri sezionali.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente