Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Due giorni di studio e confronto per i 54 Talent di Futsal

13/12/2020, 20:00

Si è svolto sabato 12 e domenica 13 dicembre il raduno on line dedicato ai 54 arbitri regionali di futsal inseriti nel progetto Talent e Mentor del Settore Tecnico AIA.
“La situazione attuale non permette di trovarci a Coverciano come era stato pianificato, ma confidiamo che le condizioni sanitarie vadano migliorando, consentendoci di svolgere un raduno in presenza nei prossimi mesi. Pensiamo però al presente, sfruttiamo al meglio le opportunità di una due giorni che vi potrà sensibilmente arricchire sotto il profilo arbitrale. Questo non è un percorso per tutti: se siete qua è perché nei vostri Comitati qualcuno ha creduto in voi, date il massimo!” ha esordito il Responsabile del Settore Tecnico Matteo Trefoloni, prima di presentare i propri collaboratori presenti nell’aula on line. Si tratta di Riccardo Tozzi, Viceresponsabile area centro, Domenico Celi, Viceresponsabile area sud, Marcello Marcato, Coordinatore del Settore Tecnico, Vincenzo Meli, Coordinatore del Modulo dedicato al Regolamento, Valentina Garoffolo, Coordinatrice del Progetto Talent e Mentor, e Francesca Muccardo, Coordinatrice del modulo Calcio a Cinque, impegnata a condurre i lavori tecnici insieme al Componente Giovanni Cossu.
Oltre a loro presenti tutti i Mentor dei venti Comitati Regionali, per dare supporto ai protagonisti di questa due giorni formativa, a testimonianza di un lavoro di squadra che dovrà caratterizzare l’intera Stagione Sportiva: nonostante i Campionati regionali siano al momento ancora sospesi, non deve infatti mancare la giusta predisposizione per trarre il meglio da una esperienza, quella riservata ai Talent, unica nel processo formativo, una chance da vivere appieno per diventare arbitri migliori, più completi e più determinati.
Come detto, l’incontro ha preso il via nel pomeriggio di sabato con la visione di dieci episodi di gara nella modalità video quiz, tutte situazioni riguardanti DOGSO e SPA, analizzate poi nella giornata successiva, a seguito di un nuovo dibattito all’interno di aule ridotte virtuali appositamente create per favorire lo scambio di opinioni tecniche.
Effettuato il test, la parola è andata a Massimo Cumbo, attualmente membro del Futsal Panel di esperti della FIFA ed Osservatore UEFA, che, in un appassionato intervento di oltre due ore, ha saputo coinvolgere tutti i presenti, passando in rassegna le novità regolamentari attraverso una presentazione dinamica, che, partendo dall’analisi della gestualità codificata, ha consentito di spaziare ad ambiti tecnici sostanziali, con particolare riferimento alle numerose modifiche intervenute in questa Stagione Sportiva.
Cumbo ha altresì raccontato ai presenti cosa significhi essere arbitro internazionale, quali debbano essere gli aspetti su cui lavorare per raggiungere i livelli più alti: “L’arbitro di futsal moderno non può prescindere da competenza tecnica, preparazione fisica e conoscenza della lingua inglese. Sono i requisiti base, se uno di questi manca, il percorso per arrivare al top non può compiersi. Oggi è tempo di essere pronti: sappiate sfruttare al meglio le chances che vi vengono date”.
Gli fa eco Chiara Perona, arbitro internazionale di futsal, che, nel suo intervento di saluto in chiusura della prima giornata di lavoro, ha sottolineato l’importanza di un approccio propositivo ed orientato al miglioramento per essere in linea con un gioco che evolve a grande velocità, riscuotendo sempre più interesse, anche sul piano mediatico.
Terminata la web conference, in serata, non sono però terminati i lavori per i giovani talent, che sono stati invitati ad analizzare ulteriori clip video, esaminate in plenaria il giorno seguente.
Numerosi sono stati infatti gli spunti tecnici proposti da Francesca Muccardo e Giovanni Cossu, che con grande enfasi, hanno invitato i presenti ad un’analisi attenta delle situazioni, che tenga in considerazione non solo l’intensità dell’evento falloso, ma anche la circostanza della commissione del fallo, la lettura tattica della gara e l’intuizione dei possibili immediati sviluppi.
Una due giorni a distanza, certo, ma con contenuti di estremo spessore, messaggi che sono passati oltre lo schermo, per donare ai Talent la consapevolezza di avere al loro fianco una squadra di istruttori pronti a spendersi con tutte le loro energie per garantire un futuro brillante alla nostra Associazione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente