Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Riunione tecnica con l’arbitro della CAN Simone Sozza

Thomas Gottardi - 22/02/2021, 11:00

Sezione di Chiari
Si è tenuta nella serata di lunedì 15 febbraio 2021 l'undicesima Riunione Tecnica Obbligatoria prevista per la Sezione di Chiari, effettuata, come ormai d'abitudine, mediante la piattaforma Google Meet, ma comunque una riunione dal sapore speciale, data la presenza dell'ospite Simone Sozza, arbitro in forza alla CAN appartenente alla Sezione di Seregno, introdotto alla platea virtuale con un video realizzato da alcuni associati.
La serata si è aperta con i saluti del Presidente di Sezione, Marco Vanoli, a tutti i presenti, il quale ha poi brevemente riassunto il week-end trascorso a Roma in occasione dell'Assemblea Elettiva del Presidente dell'Associazione Italiana Arbitri la quale ha visto l’elezione alla carica di Presidente Nazionale di Alfredo Trentalange della Sezione di Torino. A lui e alla sua squadra vanno i migliori auguri di buon lavoro da parte della Sezione clarense.
La parola è successivamente passata al Presidente del CRA Lombardia Alessandro Pizzi, presente per portare i propri saluti agli associati, il quale ha voluto, ancora una volta, porre l'attenzione sul particolare momento che il mondo dello sport, ed in particolare quello dilettantistico, sta vivendo, esortando tutti a “mantenersi sempre sul pezzo” per essere subito pronti quando, finalmente, sarà il momento di riprendere.
Inoltre, il Presidente lombardo ha invitato i presenti a godersi tutti i momenti passati insieme, e quelli che ancora verranno, soprattutto in occasione di una serata di alto livello come quella che ci si stava apprestando a trascorrere, auspicandosi che ognuno di potesse essere come una spugna che assorbe il più possibile da questi momenti formativi per poi tramutare il tutto in fatti pratici quando si potrà tornare sul terreno di giuoco.
Dopo i momenti conviviali iniziali, la serata è entrata nel vivo ed a prendere la parola è stato Simone Sozza, il quale, dopo una brevissima presentazione personale e della propria carriera, culminata, fino ad ora, con l'esordio in Serie A avvenuto il 27 gennaio 2020 nella gara Parma-Udinese, ha subito interagito con gli associati spiegando quali secondo lui devono essere le caratteristiche principali che un arbitro deve avere.
Serietà, umiltà, spirito di sacrificio, voglia di migliorarsi e capacità di autocritica sono alcune delle peculiarità che non devono mancare in un direttore di gara, accompagnate dalla conoscenza del mondo del calcio e da una passione esageratamente forte.
La ricerca della semplicità tecnica, disciplinare e comportamentale è un ingrediente imprescindibile per far si che venga raggiunta la cosiddetta “semplicità arbitrale” e che si possa essere accettati dalle varie componenti del giuoco del calcio: secondo Simone, infatti, un arbitro deve essere capace di fare ciò che le componenti si aspettano in maniera semplice, senza troppo “complicarsi la vita”, per poter svolgere nel migliore dei modi la propria funzione.
Successivamente, il fischietto di Seregno ha mostrato alcuni video tratti da gare dallo stesso dirette e, grazie all'aiuto di alcuni giovani arbitri, si è proceduto alla disamina dei principali spunti offerti da ciascun filmato: posizionamento sul terreno di giuoco, spostamento, prevenzione, gestione delle proteste e gestione delle sostituzioni sono stati i principali temi trattati.
Per concludere il proprio intervento, Simone ha voluto mostrare l'immagine di un iceberg, spiegando che le persone spesso vedono solo la parte emergente, nel caso di un arbitro di un certo livello, il “successo”, con tutto ciò che ne consegue in termini di soddisfazioni e visibilità. Molto spesso però non si vede ciò che sta “sotto” l’iceberg, ossia i sacrifici, le difficoltà, gli alti e i bassi, e in generale tutto quello che ha permesso la realizzazione del successo.
Di seguito è stato dato spazio all'intervento dei presenti, entusiasti per il modo con cui l'arbitro lombardo ha condotto la serata, i quali hanno posto alcune domande a Simone, coadiuvato nelle risposte, come normalmente avviene in una gara, dall’assistente, in quest’occasione dalla punta di Sergio Ranghetti, assistente arbitrale in forza alla CAN, la cui presenza è stata un prezioso contributo per tutti i co-sezionali.
La serata trascorsa insieme si è conclusa con i ringraziamenti a Simone da parte del Presidente Marco Vanoli, a nome di tutto il Consiglio Direttivo Sezionale e di tutti gli associati, e con la promessa sottoscritta da entrambe le parti di una lezione “in presenza” non appena la situazione sanitaria nazionale lo renderà possibile.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente