Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Manuel Robilotta: la passione per l’arbitraggio nata in famiglia

Marco Bortoluzzi - 09/03/2021, 15:00

Sezione di Conegliano
Nella serata di venerdì 05 marzo la Sezione “Dino Battistella” di Conegliano ha avuto l’onore di ospitare l’assistente della Commissione Arbitrale Nazionale Manuel Robilotta della Sezione di Sala Consilina.
La riunione, ancora in via telematica a causa delle normative anti-contagio, è iniziata con l’intervento del Presidente di Sezione, Abou Elkhayr Driss che ha dato lettura a tutti gli associati coneglianesi delle novità circa la situazione della ripresa dei campionati e degli allenamenti.
Dopo le consuete comunicazioni, Abou Elkhayr ha poi fatto una presentazione dell’ospite della serata il quale ha poi preso parola presentandosi in prima persona salutando la platea ed in particolar modo il collega assistente Baccini ed il Componente Gava, entrambi presenti all’incontro.
Manuel, dopo il breve saluto, ha cominciato a raccontare la sua esperienza arbitrale nata grazie al padre che nella gioventù ha sempre insistito affinché cominciasse l’attività arbitrale, passione che coinvolgeva tutta la famiglia. Robilotta ha sottolineato il fatto di come un ragazzo giovane, e magari con le idee confuse, possa essere accompagnato ed aiutato da un adulto portandolo a fare un percorso di crescita sia dal punto di vista arbitrale che umano sottolineando come il padre abbia ricoperto questo ruolo per lui, accompagnandolo in tutte le partite in gioventù ed aiutandolo in questo percorso di crescita che lo ha portato fino alla Serie A. Manuel spiega che questo argomento lo sente molto vicino, in particolar modo adesso che è anche Presidente della Sezione di Sala Consilina e quindi si trova in prima persona in questo ruolo di formatore delle nuove leve della propria Sezione.
L’ospite ha poi presentato all’assemblea il proprio “Libro Maestro” in cui annota tutte le designazioni, con relativi risultati, marcature, provvedimenti disciplinare e varie, di tutte le partite da quando è diventato arbitro fino all’ultima partita diretta. Racconta di questo quaderno come una sorta di memoria storica che lo aiuta a tenere traccia di questo suo percorso, che prima di definire solamente sportivo definisce di grande crescita personale.
Manuel poi racconta di come avere un fratello che ha condiviso e che tutt’ora condivide con lui questo percorso, dai campi di periferia alla Serie A, sia una grande risorsa che può essere sfruttata soprattutto nei momenti meno felici, in modo da avere sempre una figura di riferimento che ti capisca a pieno.
Nella parte finale della riunione si sono susseguite domande riguardanti molti aspetti del mondo arbitrale ed in particolar modo sull’utilizzo del Video Assistant Referee e di quali difficoltà si possono incontrare a passare dalla Serie A alla Serie B e viceversa.
La riunione si è conclusa con il saluto ed il ringraziamento da parte di tutta la Sezione a Manuel per la precisione e la passione che ha messo nel raccontare la propria esperienza, lasciando ad ogni associato un interessante spunto di riflessione.

In copertina una foto di repertorio di Manuel Robilotta, in gallery Manuel con il fratello Ivan in Crotone-Spezia del 26/01/2020

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente