Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Abbattista: "L’emozione partita dopo partita"

Filippo Faggian - 25/03/2021, 20:00

Sezione di Mestre
La riunione tecnica di lunedì 22 marzo 2021 ha saputo emozionare i fischietti della Sezione di Mestre grazie alle parole di Eugenio Abbattista, arbitro appartenente alla CAN che è intervenuto per portare la sua esperienza e trasferire il suo grande entusiasmo: un incontro, seppur virtuale, che ha tracciato i tratti principali di un arbitro in ogni aspetto della sua figura. Dopo l’apertura del Presidente sezionale Giovanni Sartori e il saluto del Componente regionale Mario Schembri, Abbattista ha subito chiarito che “All’inizio di una avventura non si sa mai come finirà: conviene puntare in alto”. Attraverso anche alcuni esempi e citazioni importanti (Dante Alighieri, Paulo Coelho, John Lennon, Piero Angela), il fischietto di Molfetta ha analizzato il percorso arbitrale partendo dalla figura dell’aspirante arbitro per parlare dell’importanza di concetti chiave quali orgoglio, solidarietà e motivazione: “Nei percorsi di vita, non solo arbitrali, anche il divertimento e la spensieratezza devono sempre essere il vero motore”.
Dal primo fischio alla Serie A: “Ricordo tutte le partite – ha spiegato Eugenio Abbattista – e in particolare tutti gli esordi. Ricordo con emozione ogni gara e sono consapevole che la componente emozionale deve accompagnarci ogni partita”. In una chiacchierata franca e diretta, Eugenio Abbattista ha condiviso con i fischietti mestrini sensazioni e vibrazioni che l’arbitraggio sa regalare: “Non date per scontato niente – ha detto Abbattista – anche il profumo dell’erba o il suono di un pallone: anche nei momenti più difficili è importante dimostrare resistenza e resilienza”. E’ stato approfondito anche il tema del divertimento: fare quello che piace porta sempre delle esperienze positive. “Ponetevi come obiettivo quello di scendere in campo con il sorriso”.
Inevitabile un excursus sulla situazione di emergenza che il mondo sta vivendo: con Eugenio Abbattista si sono analizzate le difficoltà determinate dalla pandemia. “Il mondo dello sport è stato ridimensionato, ma dobbiamo saper riappropriarci del divertimento e delle belle sensazioni anche in questa situazione” ha detto Abbattista confrontandosi con gli arbitri che attualmente stanno dirigendo nei campionati non sospesi. “Torneremo a godere del piacere di arbitrare – ha detto Eugenio al termine dell’incontro – E sarà ancora più bello di prima: rientrare e ricominciare ad arbitrare sarà una grande emozione”.

In copertina un momento della riunione, in galleria:
1. L’introduzione del Presidente sezionale Giovanni Sartori
2. I presenti alla riunione tecnica
3. Il Componente regionale Mario Schembri saluta l’ospite e i presenti
4. Eugenio Abbattista nel suo intervento

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente