Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Una terna arbitrale vera per la fiction ‘Makari’

Giuseppe La Barbera - 30/03/2021, 19:00

Sezione di Marsala
Sono stati più di sei milioni gli spettatori davanti allo schermo lunedì 22 marzo per vedere il terzo episodio della serie televisiva ‘Makari’, diretta dal regista Michele Soavi; un giallo che si ispira al racconto dello scrittore siciliano Gaetano Savatteri “È solo un gioco”, contenuto nell’antologia appena pubblicata da Sellerio, “Quattro indagini a Makari”. Saverio Lamanna, il giornalista detective, interpretato dall’attore Claudio Gioé, in questa puntata è alle prese con il funerale del cugino, giocatore di calcio, morto in un incidente stradale. Il caso fortuito diventa groviglio di indizi, tra scommesse clandestine e ipotesi di omicidio, nello sfondo del paesaggio del trapanese e gli scorci di San Vito e dintorni.
Tra le scene, sono state girate due gare di calcio, una del campionato siciliano e l’altra di beneficienza, con giocatori selezionati da alcune squadre locali, e una terna della Sezione di Marsala composta da Vincenzo D’Alberti, arbitro, Elisabetta Gianquinto e Alessandro Angelo, assistenti. Le riprese sono state effettuate al campo Sorrentino di Trapani in due giorni diversi.
«È stata un’esperienza unica – hanno subito commentato Vincenzo, Elisabetta e Alessandro – che ci ha permesso di poter interpretare un ruolo che svolgiamo settimanalmente nei campi di gioco e di coadiuvare gli attori per rendere più attinente alla realtà una ripresa cinematografica».
Elisabetta Gianquinto e Vincenzo D’Alberti attualmente sono nei ruoli degli assistenti arbitrali a livello regionale, mentre Alessandro Angelo è arbitro inquadrato in Eccellenza.
«Anche in questa occasione i nostri associati hanno dimostrato grande professionalità – concludono il Presidente del Comitato Regionale Arbitri Michele Cavarretta, e il Presidente della Sezione di Marsala Biagio Girlando – fornendo un servizio e una collaborazione a una serie televisiva dove, pur attenendosi alle esigenze cinematografiche, non hanno fatto mancare la loro preparazione e le loro competenze; è stata sicuramente un’esperienza formativa anche questa che avrà sicuramente dei piacevoli riscontri nel futuro».

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente