Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Paolo Calcagno: umiltà e divertimento

Alessio Marengon - 01/04/2021, 09:00

Sezione di Belluno
Nella serata di venerdì 19 marzo 2021 si è tenuta la consueta riunione tecnica obbligatoria organizzata dalla Sezione di Belluno. Dopo i saluti iniziali del Presidente sezionale Marco Cruder, la parola è passata all’ospite della serata Paolo Calcagno. Paolo, associato della sezione di Nichelino, componente della CAN (Commissione Arbitri Nazionale Serie A e B) da settembre 2020, ha arbitrato fino alla CAN C per poi approdare in CAN A come assistente arbitrale. Nel 2005 è diventato assistente internazionale, tre anni dopo, nel 2008, viene designato per assistere, insieme ad Alessandro Griselli, Roberto Rosetti, nella finale a Vienna di Euro 2008.
L'ospite piemontese ha intrattenuto i fischietti bellunesi con una piacevole chiacchierata, incoraggiandoli ad “aver fame” ogni qualvolta si è chiamati a scendere in campo.
“Diffidate da tutto ciò che si ottiene senza sacrificio” ha detto Paolo Calcagno “Siate umili, imparate e divertitevi quando siete sul terreno di giuoco”: sono questi i due slogan che Paolo lancia nel corso della serata, mettendo, poi, in evidenza l’etimologia della parola ‘umiltà’, parola che deriva dal latino (humus) e significa terra fertile. Infine, Paolo Calcagno ha mostrato alcuni video tratti da partite di categorie provinciali in cui veniva messo in risalto l’importanza di una buona preparazione atletica e dello spostamento sul terreno di giuoco.
Era presente alla riunione anche il componente regionale Mario Schembri il quale ha portato i saluti del presidente del CRA (comitato regionale arbitri), Massimo Biasutto.
Infine, dopo che alcuni giovani arbitri hanno approfittato per chiedere qualche consiglio all'ospite, sono stati raccontati alcuni aneddoti inerenti alla sua carriera arbitrale.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente