Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Lorenzo Illuzzi e i pilastri dell’arbitraggio

02/04/2021, 10:00

Sezione di Piacenza
Nella serata di lunedì 22 marzo, gli arbitri piacentini hanno “ospitato” l’arbitro Lorenzo Illuzzi della sezione di Molfetta, attualmente in forza alla Commissione Arbitri Nazionale di Serie A e B. Naturalmente, vista l’emergenza sanitaria ancora in corso, gli associati piacentini si sono dati appuntamento su una piattaforma digitale che ha permesso lo svolgimento dell’incontro seppur a distanza.

La riunione si è aperta come sempre con una breve presentazione del Presidente Mimmo Gresia alla quale è seguita la visione di un video di presentazione dell’ospite realizzato dalla sezione. Illuzzi ha condotto la propria riunione improntandola sul percorso arbitrale, considerandolo a partire dal primo ingresso in sezione in avanti. Inoltre ha da subito affermato quanto sia importante anche per un arbitro di certi livelli il confronto con colleghi di ogni categoria e ruolo, soprattutto in questo momento in cui i contatti sono di molto ridotti. Tra gli argomenti trattati nel corso della serata si è incardinata l’attenzione sui così detti “pilastri dell’arbitraggio”: allenamento ottimale, cura della condizione atletica in vista del nostro futuro agonistico, comportamento agonistico nei periodi transitori in cui non si è in attività sul campo; conoscenza del regolamento, la cui applicabilità si forma con l’esperienza; capacità a costruire i rapporti con l’altra parte; capacità a trovare stimoli motivazionali dati dalle competenze e dai valori personali che portano al bisogno di avanzare verso l’obiettivo più prossimo, che non può che essere la categoria superiore. Ha inoltre affermato quanto sia importante il confronto nell’osservazione delle cose; l’importanza dell’autostima, dell’auto-analisi e del controllo emotivo. Nel corso dell’evento certo non è mancato il tempo delle domande che sono state numerose, soprattutto da parte dei giovani associati tra cui quelli che ancora non hanno avuto modo di iniziare il loro percorso sul campo.

L’AIA e le sue sezioni, in questo momento complesso sotto tanti punti di vista, dimostrano l’importanza del loro ruolo in ambito sociale. In un momento in cui i nostri rapporti extra-famigliari sono di gran lunga ridotti insieme alle nostre abitudini e all’esercizio delle nostre passioni, è importante che vi sia qualcuno che pensa ad un modo per supportare i più giovani e in che modo far si che non perdano la perseveranza in un momento la cui gravità e persistenza nascondono le motivazioni e non ne permettono l’emersione.

In anteprima gli associati piacentini assistono alla riunione su piattaforma digitale.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente