Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Cabboi: “Non guardate lontano da chi vi sta accanto”

Lucia Sciarrillo - 13/04/2021, 11:00

Sezione di Merano
Nel corso dell’ultima riunione tecnica obbligatoria, la Sezione di Merano ha avuto il piacere di ospitare Francesco Cabboi, collega della Sezione di Nuoro, nonché Componente della CAN D, il quale durante la serata ha trasmesso la sua grande esperienza nell’AIA trattando tematiche molto importanti e dando consigli utili per far crescere tutti gli associati presenti sia tecnicamente sia umanamente.

Ad aprire la serata è stato il Presidente sezionale Giuseppe Fantauzzo, dando il benvenuto a Francesco, a tutti gli associati della sezione, agli arbitri, assistenti e osservatori Nazionali della regione Trentino Alto Adige, invitati anche loro alla riunione. Infine vi è stato il saluto del Presidente del CPA, Mirco Iacopetti.
Successivamente, Giuseppe ha voluto presentare l’ospite Nazionale con una piccola scheda della sua importante carriera nell’AIA: “Francesco Cabboi originario di Oliena, in organico presso la Sezione di Nuoro. La sua esperienza sui campi di giuoco è pluriennale: come arbitro raggiunge la Serie D per poi approdare come assistente in CAN C dove vi milita per ben 5 anni, dal 1999 al 2004. Dopo 16 anni di attività tecnica, a solo 36 anni, viene eletto Presidente di sezione, incarico che svolge sino al 2012. Nello stesso anno viene nominato Presidente del CRA Sardegna, incarico che ricopre sino alla scorsa Stagione Sportiva. Il duro lavoro svolto in questi ultimi otto anni a capo del CRA Sardegna viene riconosciuto ufficialmente nella Stagione Sportiva 2015/2016, anno in cui viene premiato come miglior dirigente arbitrale regionale. Nel 2020 approda alla CAN D, come Componente”.
Francesco Cabboi ha voluto iniziare raccontando il bello di un’Associazione come l’AIA, una parte associativa che si unisce alla parte tecnica, andando in piccole sezioni, tutte diverse ma con uno stesso dominatore comune, il sentimento di sentirsi sempre a casa. Dopodiché Francesco ha voluto mostrare un video che ha colpito tutti i presenti, pieno di valori e significato. Un filmato che rincarna perfettamente lo spirito sezionale: un senso di accoglienza, il mettersi al servizio degli altri e grazie solo ad alcuni segnali senza dire o chiedere nulla, ma tutti con la stessa voglia e passione.
L’ospite ha poi ha voluto citare un esempio meranese, un associato della Sezione, il collega Livio Bazzoli, ex arbitro internazionale, spiegando che molte volte si danno troppe situazioni per scontato, un personaggio che con un percorso così importante, si mette ancora disposizione degli altri per dare dei consigli deve essere un punto di riferimento, come se fosse un vicino di banco. Ricordate sempre: “Non guardate lontano da chi vi sta accanto”.

Prosegue raccontando la propria esperienza dirigenziale, iniziata sui campi, portando con sé una videocamera, per poter riprendere ogni collega e iniziare con ognuno di loro un percorso di crescita e sviluppo. Questo perché ogni categoria ha le sue difficoltà e i suoi insegnamenti, che ti portano a impegni sempre maggiori e traguardi sempre più importanti.

A chiusura della serata, Francesco Cabboi ha voluto ringraziare il Presidente Fantauzzo e tutti i presenti. Infine il Presidente Giuseppe Fantauzzo ha voluto ringraziare Francesco, per gli insegnamenti trasmessi e per la grande passione con cui vive quotidianamente all’interno dell'Associazione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente