Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Una serata da Top class con l段nternazionale Manzione

Antonio Tursi - 04/05/2021, 09:00

Cinisello Balsamo
L置ltima riunione tecnica si candida a pieno titolo come uno degli eventi pi decisivi nel percorso di consolidamento della realt del Calcio a 5 nella Sezione di Cinisello Balsamo.
Come afferma il Presidente Esposito in apertura, all段nizio del suo primo mandato, la sezione non contava alcun elemento nelle fila di questa disciplina; ma l段mpulso dato negli ultimi anni, grazie al contributo di figure come il Delegato Sezionale Michele Vitagliano e l誕rbitro CAN 5 Domenico Di Micco, sta portando a importanti risultati e riconoscimenti a livello regionale e nazionale. E la possibilit di ospitare una tra le maggiori espressioni del movimento, l誕rbitro internazionale Nicola Maria Manzione della Sezione di Salerno, da un lato certifica e premia questa evoluzione, dall誕ltro imprime un rinnovato slancio.
La lezione di Nicola stata preceduta dal benvenuto del Presidente del CRA Lombardia Alessandro Pizzi e del Componente del Comitato Nazionale Alberto Zaroli. Pizzi, nel sottolineare come nel tempo abbia sempre pi ammirato la specificit del ruolo di arbitro del futsal, ha manifestato tutto il suo rammarico per lo stop occorso ai Campionati gi ad ottobre, proprio in un momento decisivo e sfidante, nel quale gli arbitri si sarebbero misurati con le numerose innovazioni regolamentari. Zaroli, dal canto suo, dando atto dell弛rmai consolidata attitudine della sezione cinisellese a far convergere personalit di rilievo tecnico nelle sue riunioni, ha posto il focus su quella che ritiene essere la vera forza del futsal: il legame tra generazioni diverse di arbitri, osservatori e dirigenti che persiste negli anni.
Dopo il lancio del video a ripercorrere le tappe pi significative della sua carriera, ha preso la parola l弛spite: la prima riflessione di Nicola, reduce dalla trasferta serba per una gara di qualificazione agli europei, rivolta all段mportanza delle persone che hanno contribuito al successo del suo percorso arbitrale e in generale all誕ffermazione del futsal in Italia: inevitabili il saluto ai colleghi Francesco Carrieri, Nicola Gisondi e Claudio Zuanetti, intervenuti all弾vento, e il riferimento all弾ncomiabile lavoro svolto dai tanti Presidenti di Sezione nel processo di acquisizione di consapevolezza della figura dell但rbitro di C5.
Il raggiungimento di certi traguardi stato possibile ed possibile solo se si possiede la giusta predisposizione ed apertura mentale, accettando l段dea che si possa sempre migliorare. Il resto lo fa un mosaico di tanti piccoli tasselli che si allineano con il tempo, con l弾sperienza. Il primo di questi la conoscenza regolamentare. Nicola, in tal senso, sostiene un approccio dinamico e profondo, mai asettico, un 葬andare oltre la regola鋳, nel tentativo di coglierne la ratio. Solo in questo modo possibile innescare degli automatismi che consentono di governare con confidenza anche le situazioni pi complesse. Non casuale risultata la scelta degli episodi di giuoco posti all誕ttenzione dei presenti: episodi di non banale lettura, che hanno sondato la preparazione e la prontezza degli arbitri coinvolti. Un altro parametro dell誕rbitro vincente la preparazione atletica: sollecitato dall丹rgano Tecnico co-responsabile del Calcio a Cinque del CRA Lombardia Onofrio Murgida, Nicola rivela che i suoi allenamenti, indispensabili per garantire performance adeguate a certi livelli, non possono che essere continui, giornalieri, ma anche variegati e specifici. Un altro aspetto che viene preso in esame la capacit di metabolizzare il momento, che sia di tensione, di stress, o di calma; Nicola ha affermato a tal proposito che pi importante come si prende una decisione che la decisione stessa. Naturalmente, dal quadro generale non vanno esclusi altri fattori determinanti, quali la capacit di prevedere lo sviluppo dell誕zione, il feeling con gli altri componenti del team, l段stinto arbitrale e la fortuna. Ma una volta messi a posto tutti i tasselli del mosaico, non si deve commettere l弾rrore di sentirsi arrivati o, peggio, infallibili, poich la conseguenza di tale presunzione la pericolosa sottovalutazione degli eventi.
In chiusura c定 spazio per le curiosit dei pi giovani colleghi, neofiti del futsal, e per i saluti dei molti ospiti intervenuti, tra i quali quello del Presidente della Sezione di Salerno, Robe

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente