Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Insieme ad AVIS e AIDO “Verso la giornata dell’Arbitro Donatore”

21/05/2021, 13:00

Locri
Arbitri della Locride in prima linea nella campagna di sensibilizzazione alla donazione del sangue e degli organi. In passato era stata già istituita la giornata dell’Arbitro Donatore, diversi furono gli associati che donarono il sangue ad aprile del 2018, il giorno della Liberazione. Oggi si continua su quella scia, all’insegna della solidarietà, della diffusione della cultura della donazione, del fare qualcosa per chi non è in buone condizioni di salute, gesti che poi arricchiscono umanamente gli stessi donatori.
Argomenti molto importanti, trattati lo scorso 14 maggio nel corso di un evento online che ha visto la partecipazione della Sezione di Locri, dell’AVIS comunale e dell’AIDO Locri. Tre associazioni che da anni rappresentano un presidio imprescindibile di importanza legale, sociale, culturale e solidale nella Locride.
I lavori, moderati dal Vicepresidente della Sezione di Locri Antonio Cutugno, si sono aperti con i saluti del Presidente sezionale Anselmo Scaramuzzino, orgoglioso ed entusiasta per l’opportunità di accrescimento derivata da questa riunione e da questa triplice collaborazione. Per l’AVIS Locri ha relazionato la Vicepresidente Marina Leone e il Presidente Vito Aversa, responsabile anche dell’AIDO Locri. Marina Leone, già Presidente, è stata protagonista della triplicazione di donazioni della sua Associazione e fautrice della realizzazione della Casa del Donatore, fiore all’occhiello dell’intera Calabria. Vito Aversa ha incentrato il suo intervento su un semplice gesto di profondo valore, quello del consenso all’espianto degli organi.
I due esperti hanno altresì rimarcato alla platea virtuale il valore della donazione, l’importanza strategica che la stessa ha sia dal punto di vista medico sia sanitario.
Nel corso della riunione ha portato i suoi saluti e dell’AIA centrale il Componente del Comitato Nazionale Stefano Archinà, felicissimo dell’iniziativa e orgoglioso della stessa, come arbitro e donatore, che ha ribadito come l’AIA approvi profondamente iniziative e campagne di informazione e sensibilizzazione di questo tipo.
Nel corso dei lavori è intervenuto anche il Componente Regionale Roberto Rispoli, che ha ribadito l’importanza di riunioni di così profondo valore.
Di notevole valore è stata la testimonianza di Pasquale Muscatello, che da tecnico di elettroencefalografia presso l’ospedale di Locri, ha descritto in maniera dettagliata la delicatezza dell’accertamento di morte cerebrale che precede, spesso, l’atto della donazione degli organi.
Notevoli e significativi gli interventi di diversi gli associati, che hanno raccontato aneddoti e lezioni di vita apprese durante le campagne di donazione. Emozionanti e di grande spessore le domande dei più giovani, che si sono interessati ai due magnifici mondi dell’AVIS e dell’AIDO, chiedendo informazioni sulla possibilità di diventare donatori.
Il webinar si è concluso con la promessa delle tre associazioni di ritrovarsi presto in presenza per l’organizzazione fattiva della giornata dell’Arbitro Donatore. Una serata con tanti punti di convergenza, dialogo e tanta voglia di collaborare all’insegna dell’invito alla donazione di massa e del motto “Oltre al sangue e allo sport, c’è di più”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente