Scomparso a 36 anni, irrealizzato il suo sogno di diventare Presidente

Ravenna - Lorenzo Fabbri

Scomparso a 36 anni, irrealizzato il suo sogno di diventare Presidente(1972 - 2008)
Entrato nell’AIA nel 1988
Arbitro in Serie D dal 1997 al 2000
Assistente in Serie C dal 2000 al 2005
Premiato come miglior assistente nel 2004
Consigliere, segretario e designatore sezionale

Lorenzo Fabbri ha vissuto una vita intensa, ricca di interessi e valori, tra due famiglie. Da una parte i genitori e dall’altra l’AIA, per la quale ha speso anche le sue ultime forze.
Sin da piccolo, mentre gli altri ragazzi giocavano a calcio, lui voleva fare l’arbitro; così la sua mamma gli regalò una divisa, un fischietto e due cartellini, per farlo divertire; intanto quel bimbo iniziava a coltivare il suo sogno.
Lorenzo iniziò ad arbitrare a soli 16 anni, ma già dall’anno precedente aveva diretto gare di amatori del CSI.
Durante la sua carriera ha collaborato in Sezione gestendo con passione il Corso Arbitri. E’ stato un istruttore per i più giovani, ma soprattutto un trascinatore per la sua serietà e la sua capacità comunicativa.
Ha sempre seguito i ragazzi, faceva ridere tutti, era coinvolgente e si è sempre impegnato nell’organizzazione delle attività sezionali.
Nonostante la brutta malattia che l’ha colpito nel 2005, ha continuato ad arbitrare nel Settore Giovanile, ma dopo tre anni il male inguaribile l’ha portato via, a soli 36 anni. Ha dedicato la sua intera vita all’arbitraggio anche se non è riuscito a coronare il suo sogno di diventare Presidente di sezione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri