Capace di trasmettere l’orgoglio e la fierezza di essere arbitri

Palermo - Giuseppe Cirone

Capace di trasmettere l’orgoglio e la fierezza di essere arbitri(1926 – 1991)
Entrato nell’AIA nel 1946
Arbitro CAN dal 1960 al 1965
Presidente di Sezione dal 1965 al 1988
Vicepresidente CRA dal 1988 al 1991

Giuseppe ‘Peppino’ Cirone è stata una figura carismatica della Sezione AIA di Palermo. Con la sua cultura ed il modo ironico con cui si poneva, ha insegnato il Regolamento del gioco del calcio a molte generazioni di arbitri palermitani, ma, più di tutto, ha saputo trasmettere l’orgoglio e la fierezza di essere arbitro. Per molti lustri, ed in diversi ruoli sempre di vertice, ha rappresentato la Sezione di Palermo (che adesso porta il suo nome) diventandone il punto di riferimento. Indimenticabili le sue riunioni tecniche nelle quali, senza mai citare il nome del direttore di gara autore della decisione su cui si dibatteva, approfondiva il Regolamento spiegandone la ratio.
Per lui il Regolamento non era solo ‘sacro’ ma anche ‘logico’ e solo conoscendo i due aspetti si sarebbe applicato correttamente.
Con i suoi 23 anni di presidenza è stato, assieme a Mancuso, uno dei Presidenti più longevi della storia della Sezione AIA di Palermo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri