La passione si accende in lui a 30 anni, ma gli durerà altri 63!

Milano - Luigi Boccadoro

La passione si accende in lui a 30 anni, ma gli durerà altri 63!(1924 – 2017)
Entrato nell’AIA nel 1955
Arbitro regionale sino al 1963
Osservatore dal 1964 al 1994
Delegato Tecnico SGS dal 1965 al 1974
Componente CRA dal 1975 al 1984
Arbitro benemerito nel 1981

Luigi Boccadoro decide all’età di 30 anni di diventare arbitro dopo un articolo letto sulla Gazzetta. Seppur durante la sua prima partita una delle due squadre non si presenta questo non lo scoraggia e continua il suo percorso fino a raggiungere il limite di età dopo otto anni e diventa osservatore. Dal 2000 si impegna con incredibile dedizione alla collaborazione con la Delegazione di Milano in un ruolo delicato come la gestione della Giustizia Sportiva. Ha sempre rappresentato spensieratezza, allegria e milanesità nella vita come nell'AIA, per la Sezione era diventato un’icona con quel suo dialetto ironico e disinvolto e quelle barzellette sempre non esattamente ortodosse.
Luigi ha dedicato oltre 60 anni all’AIA e ha definito l’essere arbitro come la miglior soddisfazione della sua vita e che, grazie all'arbitraggio, ha incontrato tante persone che non avrebbe mai avuto modo di incontrare, coltivando meravigliosi rapporti umani.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri