Cultore del Regolamento, spiegava anche ai Corsi di Allenatore

Palermo - Giovanni Busalacchi

Cultore del Regolamento, spiegava anche ai Corsi di Allenatore(1937 – 2015)
Entrato nell’AIA nel 1957
Arbitro CAN dal 1970 al 1975
Presidente di Sezione dal 1994 al 2000
Componente CRA dal 2001 al 2003

Nel corso dei suoi 60 anni di tessera, dopo 162 gare di Serie C e diverse gare di Coppa Italia professionistiche, l’arbitro benemerito Giovanni Busalacchi approda alla CAN, dove dirige 16 gare di Serie B. Ha espletato anche le funzioni di ‘guardalinee’ in gare di Coppa Europa per Nazioni e Coppa dei Campioni con Angonese e D’Agostini, ma la sua ‘pietra miliare’ è stata la collaborazione con Concetto Lo Bello (Coppa dei Campioni). Ha poi proseguito come dirigente ricoprendo diversi ruoli, ma Giovanni è ricordato perché è stato il nono Presidente della Sezione e il primo delle nuove generazioni arbitrali. Instancabile e sempre vicino agli associati, riusciva a spiegare il Regolamento con molta semplicità, non a caso per il Comitato Regionale della LND Sicilia è stato 21 volte docente di Regolamento del Giuoco del Calcio ai Corsi di allenatore. Per i Meriti Sportivi il CONI gli ha conferito nel 2000 la Stella di Bronzo e nel 2005 quella d’Argento.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri