Innate qualità dirigenziali, dalla sua scuola gente come Gonella

Parma - Nando Orsi

Innate qualità dirigenziali, dalla sua scuola gente come Gonella(1922 – 2005)
Entrato nell’AIA nel 1953
Assistente CAN dal 1961 al 1970
Osservatore CASP e CAN C dal 1980 al 1986
Presidente di Sezione dal 1970 al 1980 e, un anno dopo, nominato presidente “ad honorem”;
Stella di Bronzo CONI nel 1974

Quando si parla di Nando Orsi con chiunque frequenti la Sezione di Parma da un po' di anni, la reazione è sempre la stessa: gli occhi si illuminano. “Chi, il Presidente?” – si sussurra dall’altra parte con malcelato orgoglio per averlo conosciuto. Non accade solo per il rispetto dovuto agli incarichi di primo piano ricoperti da Nando negli anni. C’è molto di più. Orsi è stato, durante il suo decennio di presidenza, una vera guida per la Sezione, un pilastro non solo tecnico ma soprattutto umano, qualcuno che sapeva come farsi ascoltare, con il suo garbo e la sua signorilità propri di un calcio e di un mondo sì in bianco e nero ma mai passato di moda. Se Parma ha avuto un periodo d’oro con quattro arbitri a calcare i campi dei massimi campionati (Boschi, Gonella, Michelotti e Prati), tanto si deve alla sua opera di fratello maggiore, di buon padre, di amico per ogni momento. Un impianto sportivo cittadino porta oggi il suo nome per ricordare alle future generazioni la sua figura.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri