Poliedrico e carismatico, vicino ai suoi arbitri fino all’ultimo

Avellino - Alfonso Freda

Poliedrico e carismatico, vicino ai suoi arbitri fino all’ultimo(1944 – 2019)
Entrato nell’AIA nel 1962
Guardalinee CAN C nel 1977
Dirigente Sezionale 1980 - 1985
Presidente di Sezione dal 1985 al 1990
Vice Commissario CAN D e delega al calcio a 5 dal 1995 al 1999
Vicepresidente del CRA Campania dal 1992 al 1995 e dal 2009 al 2012
Componente commissione Revisione regole giuoco dal 2008 al 2009

La figura di Alfonso Freda ha rappresentato per Avellino un enorme punto di riferimento. Persona di ampio carisma, poliedrica e trasversale, ha gettato le basi per un imponente cambio di passo nella vita di Sezione, dove è stato presente fino agli ultimi giorni di vita.
Tale aspetto è stato fondamentale per la crescita del movimento sezionale, trasmettendo ai più giovani, nell’arco dei suoi quasi 60 anni di carriera, tutta la sua esperienza acquisita in ambito nazionale. La sua ampia competenza, oltre ad aver permesso di individuare i tanti arbitri che hanno calcato i migliori campi nazionali ed internazionali, ha permesso a tanti giovani avellinesi di avvicinarsi a questa realtà e a cominciare a coltivare un sogno. Sempre pronto all’innovazione, ha dato altresì il proprio contributo alla crescita del calcio a 5 al tempo della CAN D, quando ne aveva la delega.
Figura orgogliosa delle sue origini, era sempre pronto a dispensare consigli anche agli arbitri degli ultimi Corsi, avendo premura di conoscerli non appena superato l’esame. La sua improvvisa dipartita ha lasciato un grande vuoto in Sezione, ma il suo ricordo ed il suo lavoro saranno sempre vivi negli arbitri irpini.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri