AIA 110 e Lode: giovani e formazione al centro delle celebrazioni

AIA 110 e Lode: giovani e formazione al centro delle celebrazioni Giovani e formazione: “110 e Lode”, l’iniziativa che celebrerà il centodecimo anniversario di fondazione dell’Associazione Italiana Arbitri, voluta dal Presidente Alfredo Trentalange e dal Comitato Nazionale,vedrà protagonisti 110 giovani arbitri nella città che ha visto nascere l’AIA, ovvero Milano.
Dal 26 agosto al 28 agosto, dall’Università, all’Arena Civica, dal Duomo alla sede della Sezione di Milano: questi i luoghi dove tecnica, formazione e crescita umana celebreranno l’importante anniversario per l’Associazione.
È stata una videocall a dare il via alla macchina organizzativa: presenti Alberto Zaroli e Luca Marconi per il Comitato Nazionale, Matteo Trefoloni Responsabile del Settore Tecnico, Valentina Garoffolo Responsabile del modulo Talent & Mentor “UEFA Referee Convention" e il Coordinatore del Settore Tecnico Marco Falso.
“In queste celebrazioni abbiamo deciso di mettere al centro i giovani e la formazione – ha spiegato in apertura Alberto Zaroli -: vogliamo dare una nuova immagine dell’AIA, un’Associazione forte che parte dai giovani. Il miglior modo per celebrare il passato è lavorare per preparare il futuro".
“Sarà per voi un’occasione irripetibile: ci saranno ospiti internazionali, avrete lezioni di grande spessore tecnico – ha detto Matteo Trefoloni -. Fate tutto il possibile per mettere a frutto quanto apprenderete e sappiate uscire da questa tre giorni come se foste arbitri nuovi e persone migliori. Arrivate all’appuntamento preparati e convinti, pronti per rispondere alla convocazione con entusiasmo. Siamo sicuri che saprete cogliere l’occasione e che ci arriverete nel migliore dei modi”.
Per la maggior parte dei giovani arbitri provenienti da tutti i Comitati Regionali e Provinciali d’Italia, sarà la prima occasione di trovarsi in un vero e proprio raduno nazionale: Marco Falso ha così spiegato come nei prossimi giorni avverrà l’organizzazione degli spostamenti, esattamente come succede per gli arbitri nazionali che si apprestano ad affrontare i viaggi verso le proprie gare.
A chiudere la serata di lavori, Valentina Garoffolo: “Sono davvero contenta di vedervi così presenti. La stagione trascorsa ha limitato il progetto Talent e Mentor, ma con questa iniziativa ci sarà modo per tutti di riscattarsi e fare vedere il proprio valore. Ma anche la possibilità di essere riconfermati nel progetto. L’occasione che avete è davvero unica”.

In Fotogallery:

1-6 alcuni dei giovani arbitri protagonisti della tre giorni di "AIA 110 e Lode"
2: Alberto Zaroli
3: Matteo Trefoloni
4: Marco Falso
5: Valentina Garoffolo

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri