Il “Maestro” dalla prestigiosissima carriera dirigenziale

Modena - Bruno Generali

Il “Maestro” dalla prestigiosissima carriera dirigenziale(1921 - 2014)
Entrato nell’AIA nel 1944
Presidente Comitato FIGC Modena dal 1957 al 1963
Presidente di Sezione dal 1964 al 1971
Dirigente Benemerito FIGC dal 1988
Ispettore Antidoping FIGC dal 1979 al 1992
Stella d’Oro CONI al Merito sportivo
Tessera d’Argento dei Veterani Sportivi
Promotore dell’affissione di una Targa in ricordo degli internati militari in Piazza Torre a Modena
Promotore dell’intitolazione di una via di Modena agli internati militari

La figura di Bruno Generali viene ricordata per il suo altissimo spessore tecnico e associativo, ma anche per l’aver saputo trasmettere a chi l’ha conosciuto il suo sistema di valori ed il suo spirito di sacrificio, eredità lasciatagli dall’esperienza della Seconda Guerra Mondiale, durante la quale è stato un internato militare.
Il “Maestro”, come veniva chiamato, dopo aver appeso il fischietto al chiodo ha ricoperto molteplici incarichi associativi e dirigenziali di prestigio, sia all’interno della Sezione sia a livello federale. In virtù di questo curriculum, e per valorizzarne lo spessore, a Bruno Generali la Sezione ha intitolato un Premio, destinato al miglior dirigente AIA.
Bruno ha rappresentato per Modena una figura di spicco, impegnato anche nel ricordo dei Militari Caduti durante la Guerra. Il suo carisma e la sua attività furono riconosciuti dal Presidente Giorgio Napolitano nel 2009, che gli conferì l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri