Una serata dedicata alla figura dell’arbitro

Pavia

Una serata dedicata alla figura dell’arbitroGiovedì 15 luglio, si è tenuta nel cortile del Broletto di Pavia, palazzo storico della città, un'iniziativa di grande impatto, capace di dare visibilità alla figura dell'arbitro. Promossa dallo stesso Comune di Pavia e in particolare dal suo assessore Pietro Trivi, l’evento è nato dalla necessità, ritenuta indispensabile, di tornare a fare un sano dibattito sul tema dello sport dopo il periodo caratterizzato dalla pandemia.
La serata ha visto la partecipazione di Marco Civoli, giornalista Rai, e della moglie Lara Vecchio in qualità di intervistatori, mentre dall'altro lato del palco vi erano l'ex arbitro di Serie A Massimiliano Saccani, il Presidente della Sezione arbitrale di Pavia Emilio Zanotti e Rossana di Lorenzo, una delle prime donne in Italia a frequentare il corso per arbitri e soprattutto, fresca di nomina, a Responsabile degli osservatori regionali lombardi.
Si è voluto subito evidenziare quanto la professionalità occupi un ruolo rilevante nell'attività dell’arbitro. “Infatti”, - come ha affermato Saccani - “già dalla pulizia delle scarpe si può comprendere se un arbitro si sia effettivamente preparato mentalmente alla partita della domenica”. “Essere arbitro” - secondo Zanotti-, “porta ad avere una forma mentis che è facile che rimanga per tutta la vita, vista la complessa organizzazione a cui deve andare incontro un adolescente desideroso di portare il fischietto alla bocca”. Di Lorenzo, infine, si è soffermata sul ruolo e l’importanza sempre maggiore che le donne stanno acquisendo, tanto da essere diventate una risorsa molto importante dell’Associazione e su cui questa sta investendo sempre di più.
Civoli ha chiesto, successivamente, quali fossero gli stimoli e le prospettive che spingono un giovane ragazzo a intraprendere la carriera da arbitro. In risposta, l'ex fischietto della massima serie italiana, ha sostenuto come non bisogna incentivare il ragazzo con l'unico obiettivo di arrivare in Serie A, poiché porterebbe soltanto a creare frustrazioni dovute ad aspettative non soddisfatte. Per questo motivo, bisogna accompagnarlo ed aiutarlo passo dopo passo nel suo percorso personale, trasmettendo il concetto che, nonostante questo spesso scenda in campo da solo, alle sue spalle esiste una squadra a supportarlo e ad aiutarlo a crescere insieme.
L'attenzione è stata poi spostata sul tema del VAR. Saccani, che in attività non è riuscito ad essere assistito da questa tecnologia, si è mostrato favorevole al suo utilizzo e ha spiegato come tutti vorrebbero poter tornare indietro e correggere determinati episodi.
“Il VAR è un ottimo strumento”, - ha spiegato Zanotti - “sia per la Serie A e sia per le stesse Sezioni, le quali possono beneficiare di alcuni video al fine di garantire una crescita tecnica sempre migliore dei propri associati”. Della stessa linea di pensiero è anche di Lorenzo, che ha sostenuto, inoltre, che il VAR aiuta l'arbitro ad accettare e correggere i propri errori, cosa che non è sempre immediata sul campo.
In seguito, Civoli, insieme ai suoi ospiti, ha commentato favorevolmente la novità offerta dall’Associazione di permettere agli arbitri di intervenire in televisione per potersi, ad esempio, confrontare su determinati episodi, cercando così di far diminuire le distanze tra i due ambienti.
Dopo i ringraziamenti, si è chiusa una serata che ha permesso di far conoscere la realtà del mondo arbitrale, un mondo in cui non ci sono né vincitori né vinti perché l'unico ad uscirne veramente vincitore è lo sport.

In gallery:
1. Il Presidente della Sezione AIA di Pavia Emilio Zanotti;
2. La Responsabile degli osservatori regionali lombardi Rossana di Lorenzo;
3. Foto del gruppo ospiti con la presenza dell'ex arbitro di Serie A Lorenzo Branzoni (primo da sinistra) e l'Assessore allo sport del Comune di Pavia Pietro Trivi (primo da destra);
4. L'ex fischietto Massimiliano Saccani in compagnia del Vicepresidente della Sezione di Pavia Roberto Quadrelli.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri