Tra i primi stabiesi al nazionale, il reclutamento era tra le sue priorità

Castell. di Stabia - R. Cinella

Tra i primi stabiesi al nazionale, il reclutamento era tra le sue prioritàRaffaele Cinella (1908 – 1990)
Entrato nell’AIA nel 1933
Arbitro CITA
Presidente sezionale dal 1933 al 1973)

Raffaele Cinella fu uno dei primi fischietti stabiesi a dirigere gare a livello nazionale dell’allora Comitato Italiano Tecnico Arbitrale, della XIII zona. Cinella ha retto la Sezione di Castellammare di Stabia prima della Seconda guerra mondiale come fiduciario e in seguito come primo Presidente, nel 1934, quando fu istituita ufficialmente. Lasciò la guida nel 1973.
Durante la sua presidenza si ricordano i grandi traguardi raggiunti dalla Sezione con arbitri di spessore come Catello Buonocore, arrivato a operare come guardalinee nella finale di Coppa dei Campioni 1991, disputata a Bari. Da annoverare che con Cinella al timone la Sezione stabiese riscontrò un notevole incremento di associati per l’impegno che profuse nel reclutamento.
Raffaele Cinella rientra dunque tra le due figure di maggior illustro della Sezione stabiese insieme a Giuseppe Pauzano, grazie al loro lavoro svolto negli anni per i propri associati.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri