Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Polifrone: “Atleti tra gli atleti, che possono raggiungere la cima”

Giuseppe Pelle - 13/10/2021, 17:00

Taurianova
“Passata è la tempesta: odo gli augelli far festa, e la gallina, tornata in su la via, che ripete il suo verso. Ecco il sereno rompe là da ponente, alla montagna; sgombrasi la campagna, e chiaro nella valle il fiume appare. Ogni cor si rallegra…”
Questo richiamo poetico leopardiano per dire che la tempesta del COVID - 19 è quasi alle spalle.
Da quando è stato eletto Presidente sezionale, Adriano Polfrone aveva già in testa di come guidare un gruppo, volendo principalmente creare una squadra, avendo dentro di sé gli elementi fondamentali: progettualità e itinerario. Adriano, già Vicepresidente sezionale, assistente in Serie D e cultore del regolamento arbitrale, dopo la sua elezione a Presidente ha esposto al Consiglio sezionale il suo progetto. Le sue idee dove potevano essere messe in luce se non al raduno precampionato sezionale?
Evento organizzato lo scorso 10 ottobre nella ridente e accogliente Cittanova.
Una giornata soleggiata ha accolto tutti gli arbitri facenti parte dell’Organo Tecnico Sezionale per i test atletici, sotto l’occhio vigile, attento ed esperto del Referente Atletico Salvatore Panuccio, in un terreno di gioco perfetto. I ragazzi, subito, hanno messo in mostra la ‘rabbia accumulata’ per il lungo periodo di riposo forzato. Le parole esposte dal Referente hanno fatto intuire che gli arbitri interessati hanno dato il massimo e con risultati più che lusinghieri, considerando la loro inesperienza. Quasi nessuno di loro, causa COVID – 19, ha avuto la fortuna di dirigere una gara di calcio.
Subito dopo i partecipanti si sono portati nella location scelta per la parte didattico – regolamentare, iniziata con la presentazione degli ospiti: Francesco Di Bellonia, della Sezione di Locri, e Salvatore Prestileo, ‘di casa’, rispettivamente Collaboratore e Componente del Comitato Regionale della Calabria.
La sorpresa, su invito di Polifrone e intercessione del Presidente CRA Franco Longo sulla CAN D, è stata la presenza della terna arbitrale della gara odierna di Serie D a Taurianova: Giuseppe Maria Manzo e Romualdo Piedipalumbo di Torre Annunziata, Carmine Castiglione di Frattamaggiore.
Assente per motivi di salute Pino Mandaradoni, della Sezione di Vibo Valentia, Componente del Settore Tecnico dell’AIA nel modulo “Talent e Mentor Proqramme UEFA Referee Convention”.
Francesco Di Bellonia ai giovani arbitri ha rivolto l’invito di non mollare mai e avere molta fiducia nelle proprie capacità, che spesso sono nascoste ed emergono piano piano.
La terna campana, dalla voce dell’arbitro Manzo, ha detto ai ragazzi: “Tanti sono i sacrifici, ma molto di più saranno le soddisfazioni che ognuno di voi proverà in seguito”.
Polifrone ha quindi illustrato la Circolare n.1, a cui sono seguiti i test tecnici.
Terminato tale impegno, c’è stata la consegna delle targhe ricordo per Di Bellonia, come rappresentante del CRA e Prestileo, con grande emozione, come ex Presidente Sezionale e segno di riconoscimento per quanto dato alla ‘famiglia taurianovese’.
I lavori sono ripresi dopo la pausa pranzo, con i vari interventi dei presenti. Il Vicepresidente Salvatore Morabito ha dato lezioni sul comportamentale, ribadendo che “non c’è arbitro senza preparazione tecnica e atletica”.
Antonino Laganà, responsabile degli osservatori all’OTS, ha parlato parla del ruolo dell’osservatore, della compilazione e del modo di colloquiare e presentarsi ai ragazzi rimarcando: “Ricordate che i nostri arbitri sono neofiti e non necessitano di giudizi ma di consigli”.
Infine Santo Tracea, Rappresentante sezionale presso gli organi di Giustizia Sportiva, instancabile e sempre pronto collaboratore della Sezione, esempio da additare. Con la sua pacata voce ha fatto vedere le slides sulla compilazione del rapporto di gara, rendendo il compito molto più semplice.
I lavori dello stage si sono conclusi con gli input motivazionali di Adriano Polifrone: “Siamo atleti tra gli atleti che possono raggiungere la cima della montagna. “Allenati … Studia … Vivi il Sogno … Vinci”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente