La divisa di Maurizio Mattei esposta al Museo del Calcio di Coverciano

La divisa di Maurizio Mattei esposta al Museo del Calcio di CovercianoTra il materiale che rappresenta la storia del mondo arbitrale, custodito all’interno del Museo del Calcio di Coverciano, da oggi ci sarà anche la divisa di Maurizio Mattei. Un ricordo doveroso per una persona che si è distinta sia come arbitro sul terreno di giuoco, sia come dirigente impegnandosi per la formazione e la crescita di tante giovani leve.

La divisa, donata dalla moglie di Mattei, è stata consegnata al Museo dal Vicepresidente dell’Associazione Italiana Arbitri Duccio Baglioni e dal Componente della Commissione Osservatori Nazionale Professionisti Oberdan Pantana (collega di Sezione a Macerata).

Maurizio Mattei, scomparso lo scorso 12 Febbraio, era diventato arbitro nel 1963. In carriera aveva diretto 125 in Serie A (l’esordio nella massima categoria era avvenuto il 21 marzo 1976). Nel 1985 gli venne assegnato il “Premio Giovanni Mauro”. Dal 1997 al 2004 è stato osservatore degli arbitri UEFA. Molti poi i ruoli ricoperti a livello dirigenziale: da designatore degli arbitri nelle varie categorie nazionali, dalla Serie A alla Serie D, fino alla nomina come Responsabile del Settore Tecnico Arbitrale.

Ora la divisa di Mattei rimarrà esposta al Museo del Calcio di Coverciano insieme a quelle di altri grandi arbitri del passato, da Concetto Lo Bello a Pierluigi Collina, a testimonianza del valore del suo impegno e dei risultati conseguiti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri